Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 826
VITTORIA - 18/09/2008
Attualità - Vittoria- All’esame un nuovo progetto sanitario per il «Guzzardi»

Istituire due Pronto soccorso h24 in Pediatria e Ginecologia

Quattro medici del nosocomio vittoriese esporranno il progetto rivoluzionario al manager Fulvio Manno Foto Corrierediragusa.it

Quattro medici dell´ospedale «Guzzardi» (nella foto) di Vittoria stanno preparando un progetto che prevede l´istituzione di Pronto soccorso h24 nei reparti di Pediatria e Ginecologia. I medici Francesco Palumbo, Fabrizio Comisi, Antonio Schifano e Mimmo Arezzo ritengono necessario realizzare i Pronto soccorso di Ginecologia e di Pediatria. Se dovesse andare in porto, il progetto consentirebbe di salvare il ruolo dei primari e medici in esubero che da Comiso sono stati costretti ad andare a Vittoria nei reparti di Ginecologia e di Pediatria. Il dott. Rosario Salvo, ad esempio, già primario di Pediatria a Comiso, potrebbe essere il dirigente del Pronto soccorso di Pediatria a Vittoria senza entrare in conflitto con il primario Fabrizio Comisi. Così come l’Ostetricia avrebbe un dirigente per il Pronto soccorso nel reparto delle nascite.

In questi giorni i promotori dell’iniziativa andranno ad esporre il piano al direttore generale Fulvio Manno, che si dovrà pronunciare nel merito dell’iniziativa. In ogni caso, c’è già un gran movimento concreto che spinge perché i due reparti abbiano i Pronto soccorso nelle due corsie.

I Pronto soccorso permetterebbero la reperibilità del medico 24 al giorno, con guardia anche di notte. Con alleggerimento di lavoro al Pronto soccorso di frontiera, dove si recano tutti i politraumatizzati e anche coloro che avvertono un banalissimo calo di pressione arteriosa.

Esempi? Se in una donna che deve partorire avviene all’improvviso la rottura delle acque, inutile che la partoriente si rechi d’urgenza al Pronto soccorso generale (come succede attualmente), può andare direttamente in Ginecologica perché un medico di turno è sempre disponibile grazie agli accorpamenti dei reparti di Comiso e Vittoria che hanno causato un esubero di medici.

Stessa cosa per la Pediatria, dove un bambino che presenta malesseri improvvisi di qualsiasi natura troverà subito uno specialista ad assisterlo nel suo reparto. Così facendo si semplificherebbe il processo sanitario: niente passaggio dal Pronto soccorso, meno burocrazia sanitaria. Il risultato sarebbe quello di far defluire l’enorme mole di lavoro che si crea presso il Pronto soccorso.

Dopo la richiesta di accorpamento degli ospedali di Vittoria e Comiso presentata come mozione consiliare dai 3 consiglieri di sinistra Giuseppe Cannella, Giuseppe Cannizzo e Mariella Garofalo, tutti medici, quest’ulteriore proposta dei primari del «Guzzardi» offre al dibattito sanitario in corso un ulteriore elemento di novità e di approfondimento, considerato che il ministro della Sanità Russo sta tagliando a destra e a manca per fare rientrare la spesa sanitaria entro canoni accettabili.