Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:17 - Lettori online 891
VITTORIA - 14/07/2016
Attualità - La nuova realtà ambulatoriale è nata dalla volontà del direttore di Chirurgia Maurizio Carnazza

Al "Guzzardi" centro riabilitativo per stomizzati

L’ambulatorio si occupa dei pazienti portatori di stomia (ileo e colo stomia) e dei pazienti urostomizzati Foto Corrierediragusa.it

E’ stato istituito al «Guzzardi» il centro riabilitativo regionale siciliano che si pone l’intento di coprire vasta parte del territorio e di aiutare, sia nella prescrizione, sia nell’assistenza domiciliare, i pazienti stomizzati, evitando loro lungaggini burocratiche o viaggi fuori provincia . La stomia è il risultato di un intervento con il quale si crea un´apertura sulla parete addominale per poter mettere in comunicazione l’apparato intestinale o urinario con l´esterno. Il portatore di stomia possiede, quindi, una situazione anatomica diversa, ma comunque gestibile, che non gli impedisce di condurre una normale vita sociale.

La nuova realtà ambulatoriale è nata dalla volontà del direttore di Chirurgia Generale dell’ospedale vittoriese, Maurizio Carnazza (foto), che vuole così fornire un nuovo servizio fino ad oggi mancante nel territorio ibleo . Il Responsabile del centro è Salvatore Ragazzi, coadiuvato da Alessandro Buttafuoco, collaborati dall’enterostomista Silvia Cinnirella. L’ambulatorio si occupa dei pazienti portatori di stomia (ileo e colo stomia) e dei pazienti urostomizzati e delle loro eventuali problematiche a 360 gradi consentendo quella continuità assistenziale che nel nostro territorio purtroppo è deficitaria . L’apertura d è il Martedì ed il Giovedì dalle 15 alle 18.

L’attività svolta nel rispetto del volontariato rispecchia i valori della deontologia medica ed è volta a seguire l’organizzazione prevista dal circuito nazionale Aistom. Il progetto è nato con lo scopo di iniziare ad effettuare l’ambulatorio due volte a settimana e di implementare , nel tempo, il numero dei giorni di apertura e di riuscire ad esercitare quel servizio domiciliare gratuito specializzato, dipendente esclusivamente dall’ambulatorio, che in molti casi risulta di difficile attuazione .