Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 507
VITTORIA - 26/08/2008
Attualità - Vittoria- Fuori programma prima della processione della Madonna

Avola e La Terra si contendono la fascia per la processione

Pasquale Ferrara ci scherza sopra: «Si litiga per la fascia, quasi quasi la indossavo io» Foto Corrierediragusa.it

Non c’è il sindaco né il vice sindaco, chi deve andare in processione con la fascia tricolore al petto dietro il simulacro della Madonna di Porto Salvo? Salvatore Avola e Piero La Terra se la sono contesa vivacemente fino a quando il sindaco Giuseppe Nicosia (nella foto), avvertito del ritardo che i due assessori stavano provocando alla processione, non s’è precipitato in delegazione per risolvere la querelle fra i due amministratori.

Se Giuseppe Nicosia avesse già assegnato la delega alla frazione nei tempi ch’erano stabiliti non sarebbe accaduto nulla. Purtroppo, in sua assenza e del vice Gianni Caruano, la fascia è stata contesa da Salvatore Avola, abitante a Scoglitti, e Piero La Terra assessore del Pro Scoglitti, riferiscono i presenti, con fervore tutt’altro che religioso. Il primo perché abituato nel passato a fare le veci del sindaco in processione, il secondo perché spera di ottenere la delega alla frazione proprio in queste ore.

Verso le 17,30, dentro la sede della delegazione municipale, i due assessori non sono riusciti a decidere chi dei due dovesse fare le veci del sindaco. "Quasi quasi, appena ho saputo dell’accaduto, stavo andando a indossarla io - rivela scherzando l’ex «papillon» Pasquale Ferrara, ormai ristoratore a tempo pieno al "Sakalleo", ma ancora noto nel quartiere marinaro come il «sindaco» della frazione- ai miei tempi queste cose non succedevano per indossare la fascia in assenza del sindaco. Ridiamoci su e sdrammatizziamo, altrimenti dobbiamo preoccuparsi per il futuro della città".