Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:41 - Lettori online 769
VITTORIA - 16/01/2016
Attualità - Iniziativa della commissione trasparenza

Igiene ambientale: atti all´antimafia

Daniele Barrano, ha preso atto delle richieste provenienti da alcuni gruppi consiliari Foto Corrierediragusa.it

Il presidente della commissione Trasparenza di Vittoria Daniele Barrano (foto), ha preso atto delle richieste provenienti da alcuni gruppi consiliari che hanno preteso di fare chiarezza sull’affidamento diretto deciso dal sindaco riguardo la gestione del servizio di igiene ambientale sul territorio cittadino dopo la scadenza del contratto con la Sea. Per questo motivo, è stata convocata una seduta della commissione a cui sono stati invitati a partecipare il dirigente del servizio Ecologia Roberto Cosentino e il dirigente dell’Upiga Angelo Piccione, che si occupa della gestione delle gare d’appalto. Si è presentato in audizione solo quest’ultimo. «In particolare – dice Barrano – a fronte delle numerose domande che gli sono state rivolte dai commissari, il dirigente Piccione non ha saputo spiegare le ragioni per cui l’Amministrazione comunale abbia scelto la Tekra srl a seguito di affido diretto del servizio senza sondare la disponibilità di altre aziende. Le procedure, ovviamente, sono state adottate senza alcun tipo di ribasso e in maniera del tutto discrezionale.

Per questo motivo, dopo apposita votazione, l’organismo consiliare della Trasparenza ha trasmesso gli atti alla commissione nazionale e regionale Antimafia, all´Anac e al presidente della Regione. La presidenza della commissione ha inoltre fatto richiesta all´Amministrazione comunale di potere esaminare tutti gli atti riguardanti l´affidamento del servizio subito dopo la liquidazione dell´Amiu. Come ho già abbondantemente ripetuto anche in passato, la nostra non è una commissione d’indagine ma si occupa di raccogliere quegli elementi che possono servire per fare chiarezza su alcune vicende controverse come in questo caso».