Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:29 - Lettori online 790
VITTORIA - 02/01/2016
Attualità - Ordinanza del sindaco l’ultimo giiorno dell’anno per motivi di salute pubblica

Rifiuti a Vittoria, il sindaco cambia impresa

Revocato l’appalto alla Sea di Agrigento che ha gestito la raccolta negli ultimi due anni Foto Corrierediragusa.it

Sarà la ditta Tecra di Salerno a gestire per sei mesi l´appalto per la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti. Il sindaco Giuseppe Nicosia ha emesso infatti un´ordinanza proprio l´ultimo giorno dell´anno revocando così l´appalto alla Sea di Agrigento che ha gestito la raccolta negli ultimi due anni grazie anche ad una proroga per gli ultimi tre mesi. Il sindaco ha revocato l´appalto alla ditta, dopo sei mesi di diffide e reclami, per inadempienze contrattuali e dopo avere constatato che la nuova gara d´appalto per aggiudicare il servizio è andata deserta per ben due volte.

"Non potevo sottostare all´oligopolio di un cartello di ditte che gestiscono i rifiuti in Sicilia, così ho scelto la strada dell´ordinanza - dice il sindaco -, perchè non posso lasciare la città con i rifiuti sulle strade. Con la ´Sea´ che fino a ieri ha gestito il servizio i rapporti erano ormai tesi e per il nuovo aggiudicatario ben due gare d´appalto sono andate deserte. Così ho scelto per ordinanza la ´Tecra´ di Salerno per motivi indifferibili ed urgenti". Nella motivazione per l´affidamento tramite ordinanza del nuovo appalto si legge che questo è stato determinato da "un pessimo servizio e da un sussistente pericolo per l´igiene e l´ambiente in alcuni punti della città così come accertato dall´Ufficio Ecologia, Asp e Polizia Municipale". La Tecra svolge attualmente servizio a Gela ed è accreditata presso la Prefettura. Il passaggio dalla vecchia impresa alla nuova comporterà almeno per i primi giorni dei disagi per i cittadini.