Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:29 - Lettori online 675
VITTORIA - 23/10/2015
Attualità - Non piace l’atteggiamento assunto dall’azienda

Licenziati 10 dipendenti Sea: sindaco Nicosia furioso

Nicosia: "La ditta è sempre meno degna di occuparsi della pulizia della nostra città" Foto Corrierediragusa.it

La Sea ha licenziato dieci dipendenti. Il sindaco Giuseppe Nicosia ha stigmatizzato il comportamento dell’azienda agrigentina che ha in appalto il servizio di igiene pubblica. «Con l’atteggiamento che ha assunto – dichiara il primo cittadino – la Sea dimostra di essere sempre meno degna di occuparsi della pulizia della nostra città. Non solo abbiamo assistito ad una caduta di efficienza nel servizio, con interi quartieri trascurati, contenitori rotti, mancato spazzamento delle strade e mancato decespugliamento, particolarmente evidente lungo lo stradale per Scoglitti: ora la ditta si contraddistingue in negativo anche per quanto riguarda il trattamento dei lavoratori, nei confronti dei quali ingiustificatamente ritarda la corresponsione degli stipendi, non rispetta gli obblighi previsti dal rapporto di lavoro e addirittura, pur nella consapevolezza che il personale utilizzato non è sufficiente ad assicurare il servizio di pulizia, licenzia dieci operai.

Esprimo la massima solidarietà ai lavoratori licenziati e a quelli che stanno subendo un trattamento ingiusto, ed estendo la mia solidarietà all’intera città, che subisce quotidianamente l’oltraggio dovuto all’indolenza della ditta e all’inefficienza del servizio. Chiedo agli uffici competenti e al delegato all’esecuzione del contratto di procedere ad un’immediata verifica delle inadempienze, di applicare le penalità previste dal contratto e di adottare tutte le misure idonee ad assicurare - ha concluso il sindaco - un drastico cambiamento di rotta».