Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 743
VITTORIA - 20/09/2015
Attualità - Collega Vittoria all’aeroporto di Comiso e alla statale per Catania

Troppo pericolosa la strada provinciale 5

Auspicati interventi veloci e radicali Foto Corrierediragusa.it

Riccardo Terranova del club Forza Italia città di Vittoria prende carta e penna e scrive al commissario straordinario del libero consorzio comunale di Ragusa Dario Cartabellotta (da sx nella foto) per evidenziare la pericolosità della strada provinciale 5 Vittoria - aeroporto Comiso - statale Ragusa Catania, oramai ridotta ai minimi termini nonostante sia sempre trafficatissima. "Sono certo della Sua consapevolezza circa lo stato in cui versa la strada provinciale in oggetto - scrive Terranova a Cartabellotta - che risulta essere la più transitata ed importante dell’intero territorio ibleo. Ciò in quanto è l’unica che collega il versante ipparino con la strada statale che conduce a Catania. Versante dal quale ogni giorno partono, per il nord Italia, tra i 400 ed i 600 Tir che trasportano i prodotti della serricoltura vittoriese.
Inoltre da alcuni anni, a seguito dell’apertura dell’aeroporto, è anche aumentato il transito di autoveicoli privati, di bus, di autonoleggio e taxi che si riversano nel nostro territorio sia dai Comuni iblei che dalle province limitrofe. Sono tante anche le presenze di stranieri ai quali si prospetta uno scenario, o se vogliamo dire un «biglieto da visita» di cui non andare certamente fieri.

Non è solo il sia pur grave aspetto legato al decoro che si vuole mettere in luce ma, soprattutto, il basso indice di sicurezza per la pubblica incolumità che ne deriva dallo condizione in cui è ridotta l’arteria, a causa dell’usura del manto stradale, dovuta all’intenso e pesante traffico che vi si snoda, della ridotta carreggiata, della pulizia e di qualche crocevia reso insidioso dalla mancanza di opportune misure di segnalazione.
L’auspicio mio, e dei tanti cittadini che vivono e sentono tale stato dei fatti come un problema da risolvere urgentemente - prosegue Terranova - è quello di apprendere notizie su eventuali ed urgenti progetti ed interventi risolutivi, pur nella consapevolezza delle ristrettezze in cui versano gli Enti locali italiani ed isolani in particolare. Ristrettezze a cui si potrebbe fare fronte anche attraverso la verifica di eventuali disponibilità o bandi da parte di Enti sovraordinati, regionali, nazionali o comunitari. Anche in assenza di tali eventualità, una cosa è certa, la strada in oggetto, per le motivazioni sopra enunciate, non può più attendere ancora a lungo.

Nel ringraziarla anticipatamente per l’attenzione che vorrà porre sulla tematica conclude Terranova - rimango disponibile per un eventuale incontro al fine di affrontare la problematica e di apprendere quali eventuali iniziative sono o intende mettere in cantiere".