Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 19:05 - Lettori online 1182
VITTORIA - 19/09/2015
Attualità - L’assessore alla pubblica istruzione Bonetta fa chiarezza

Nuova rete scolastica Vittoria. Il sindaco: "Bene così"

C’è soddisfazione per la nuova organizzazione Foto Corrierediragusa.it

Sette istituti comprensivi e un circolo didattico a Vittoria: la nuova rete scolastica prende forma dopo il dimensionamento. L’assessore alla Pubblica Istruzione Gaetano Bonetta (foto) fa chiarezza sul piano di dimensionamento della rete scolastica cittadina. «La Giunta municipale - dice Bonetta - nel rispetto delle norme vigenti e del decreto assessoriale della Regione del 27 maggio 2015, ha varato il primo atto di un piano di dimensionamento pluriennale da realizzare in una prospettiva graduale e progressiva che trasformerà, accorpandole, tutte le scuole dell’infanzia, primarie e medie inferiori in istituti comprensivi. Pertanto, dopo aver previsto con la deliberazione 298 del giugno scorso, una prima configurazione del sistema istituzionale scolastico, dopo aver sentito i dirigenti scolastici, i rappresentanti dei docenti delle scuole interessate, i rappresentanti dei genitori e delle famiglie, i rappresentanti sindacali, la commissione consiliare Cultura e Istruzione, dopo aver valutato le esigenze della popolazione scolastica e i suoi trend, dopo aver individuato le necessità di continuità e omogeneità didattica, dopo aver verificato la congruità fra erogazione educativa e fruizione sociale e urbana dell’utenza, al fine di non creare ulteriori disagi, tenuto conto della toponomastica scolastica, così come si è determinata negli anni, con la consapevolezza di poter così garantire a Scoglitti la persistenza del presidio dirigenziale scolastico, la Giunta è pervenuta alla determinazione di proporre, prima alle autorità provinciali e poi a quelle regionali, il dimensionamento che di seguito viene illustrato.

Come primo atto, a valere nell’anno scolastico 2016/20127 – si tratta di un progetto graduale e progressivo - vengono creati due nuovi istituti comprensivi, frutto di altrettante aggregazioni: la prima, fra il Circolo didattico «Giovanni XXIII» e il plesso centrale della Scuola media «Vittoria Colonna»; la seconda, fra il Circolo «Caruano» e il plesso succursale della Scuola media «Vittoria Colonna». Per assicurare il tranquillo superamento della soglia minima dei seicento iscritti, all’Istituto comprensivo «Sciascia» viene trasferito il plesso «Campanella» (che ha duecento iscritti), finora sotto la gestione dirigenziale del «Caruano», in modo da superare il numero di ottocento iscritti. Infine, all’Istituto comprensivo «Traina» viene trasferito il plesso della scuola dell’infanzia «Garibaldi», finora al «Caruano», che già insiste dal punto di vista ubicativo ed edilizio sulle strutture di detto istituto. La configurazione scolastica della città, per quanto attiene all’istruzione infantile, primaria e media inferiore, vedrà quindi sette istituti comprensivi e un circolo didattico, il «Rodari».

PER IL SINDACO NICOSIA VA BENE COSI´
Il sindaco Giuseppe Nicosia interviene nel dibattito in corso sul piano di ridimensionamento scolastico deliberato dalla Giunta municipale.
«Al contrario di quanto fanno gli esponenti di FdI, che sono sempre contro quello che si fa – dichiara il primo cittadino - mi sento di fare i complimenti e di dare pieno sostegno al lavoro svolto dall’assessore Gaetano Bonetta, che ha dimostrato, oltre alle già note competenze e professionalità, anche un altissimo profilo politico, di prospettiva e di saggezza nel prevedere con grande lungimiranza la possibilità che tutti gli istituti scolastici della città diventino comprensivi, senza sacrificare quelli che a turno potevano essere smembrati a favore di altri, mantenendo in vita, in riscontro a una precisa richiesta dei genitori, dei docenti e della dirigente, che abbiamo incontrato, il Circolo Rodari, quale riconoscimento non solo della sua importanza territoriale, ma anche del grande lavoro sociale svolto, e salvando l’autonomia dirigenziale dello Sciascia di Scoglitti, a dimostrazione dell’attenzione dell’amministrazione comunale nei confronti della frazione. Chi ha a cuore il futuro dell’organizzazione scolastica e dell’offerta formativa apprezzerà il lavoro dell’assessore Bonetta. Alcune scelte di cambiamento delle dirigenze di qualche plesso potranno scontentare magari il singolo dirigente, ma non diminuiranno certo le attenzioni per i nostri bambini.

Invito anche le parti politiche avverse o i plessi che si troveranno con un dirigente diverso a non strumentalizzare una materia così delicata e a guardare al vero obiettivo di lavoro serio, concreto e professionale, che è un processo in divenire, tendente al meglio per le nostre scuole. Voglio rassicurare tutti: non vi saranno spostamenti di istituti, ma solo una migliore organizzazione della rete scolastica cittadina. In ogni caso, trattandosi di un progetto in fieri, l’obiettivo è raggiungere i sette istituti comprensivi in città e migliorare l’assetto scolastico grazie al confronto aperto con gli addetti ai lavori».


battaglia navale
20/09/2015 | 3.41.42
pangloss

L´assessore gioca per corrispondenza alla battaglia navale.


chiacchiere e paroline pompose
19/09/2015 | 22.20.53
arlecchino

Ma che ha detto l´assessore? Ci avete capito qualcosa? Sembrano parolee in libertà! Boh!