Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 463
VITTORIA - 07/09/2015
Attualità - Interventi del consigliere Barrano e dell’azzurro Terranova

Scuole: caos a Vittoria e "restyling" a Comiso

Interventi di manutenzione nella cittadina casmenea Foto Corrierediragusa.it

Il Comune di Vittoria, negli ultimi tre anni, tramite borsa lavoro, ha istituito un bando per supportare l’attività dell’assessorato ai Servizi sociali nelle scuole di primo grado. Il servizio è stato rivolto in particolare ai minori residenti in città. Un vero e proprio sostegno nei confronti di chi ne ha avuto bisogno. «Ora, però, qualcosa è cambiato, in peggio – dice il consigliere comunale Daniele Barrano – e voglio spiegare di cosa si tratta. In questi ultimi due anni, il bando ha richiesto espressamente l’utilizzo di quattro figure professionali: assistenti sociali, psicologi, pedagogisti e mediatori linguistici, tutti da inserire nell’equipe socio-psicopedagogica che ha esercitato l’attività in questione. Ma c’è di più. Il 14 agosto scorso viene pubblicato un bando in cui si parla solo di presidio psicopedagogico e servizio di mediazione linguistica. In pratica, non solo viene di fatto eliminata la seconda equipe che si occupava dei casi di dispersione scolastica ma il primo gruppo di lavoro viene privato dell’apporto degli assistenti sociali visto che il bando richiede esclusivamente l’utilizzo di psicologi, pedagogisti e mediatori. Ci chiediamo: ma che senso ha tutto ciò? Perché mortificare il ruolo, importante, dell’assistente sociale? Ci vorrà dire forse l’assessore Gaetano Bonetta, lui che da accademico si occupa di queste tematiche, che l’impiego di tale figura professionale non ha un senso compiuto"? Il consigliere Barrano chiede dunque di capire il motivo di una scelta che renderà il servizio peggiore.

Anche Riccardo Terranova di Forza Italia dice la sua sulle scuole a Vittoria: "Inizia il nuovo anno scolastico e i problemi atavici dell’edilizia scolastica comunale sono fermi al palo come se il tempo, anch’esso, si fosse fermato. Tanti gli edifici ancora fatiscenti; l’adeguamento antisismico di taluni edifici è ancora di là da venire; mensa scolastica di infima qualità e che inizia con sensibile ritardo; manutenzione ordinaria interna ed esterna e pulizia siti esterni come oasi nel deserto; nelle scuole materne i materiali di consumo, compresi carta igienica e rotoloni, sono a totale carico delle famiglie.Ma la situazione più grave è quella degli asili nido. Infatti, ad oggi, la città ha ancora un solo asilo nido sicuramente insufficiente a soddisfare le esigenze delle famiglie. Quello demolito in via Milano, con il vuoto ed il degrado dei ruderi rimasti, fa da monumento all’inconcludente amministrazione Nicosia, la quale, nonostante le promesse durante i tanti e troppi anni di occupazione del potere, non è riuscita a riedificarlo, né sul sito dove sorgeva, né altrove. Intendo dunqu rivolgere un appello al sindaco - conclude Terranova - affinché reperisca quelle risorse necessarie per la edificazione del secondo asilo nido".

A COMISO GLI EDIFICI SCOLASTICI SI RIFANNO IL LOOK
Operazione di "maquillage" per le scuole cittadine comunali in vista dell´apertura del nuovo anno scolastico. L´assessore alla Manutenzione Scolastica Fabio Fianchino rende noto che sono state eseguite la maggior parte delle manutenzioni all´interno delle scuole e loro pertinenze di competenza del Comune, mentre le restanti sono infase di completamento.
«Anche quest´anno – ha dichiarato l´assessore Fianchino - l´Amministrazione Spataro si è attivata con molto anticipo rispetto all´inizio dell´anno scolastico per eseguire le manutenzioni presso le scuole evidenziando attenzione e prontezza d´intervento. Si è trattato di lavori finalizzati a migliorare gli ambienti che accoglieranno gli alunni assicurando così standard di comfort e sicurezza di livello europeo. E´ stata altresì completata l´opera di rimozione e smaltimento dei manufatti contenenti amianto presso le scuole comunali. E´ stato un corposo intervento di bonifica, frutto di una forte sinergia tra l’assessorato alle Manutenzioni scolastiche e quello all’Ambiente che ha eliminato i vecchi serbatoi idrici, per la verità non più in uso, ma ancora presenti negli edifici scolastici. Nei prossimi giorni e comunque prima dell´apertura ufficiale del nuovo anno scolastico sarà potenziata la segnaletica orizzontale con l´apposizione dei passaggi pedonali in corrispondenza degli ingressi scolastici».

Nel dettaglio, è stata operata la revisione dei serivizi igienici e degli infissi di tutte le scuole comisane, la revisione della mensa scolastica, pitturate le pareti delle scuole «Montessori», «Grazia», «San Giovanni Bosco», in quest´ultima è stato ripristinato il soffitto, «Sant´Antonio» e «Sant´Antonio Nuove Sezioni». Inoltre, sono state tinteggiate le inferriate della scuola «San Biagio» e i servizi igienici della scuola media «Pirandello» e della scuola materna «Idria». L´Amministrazione comunale ha intanto messo mano anche alla pulizia delle aree verdi scolastiche.