Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:44 - Lettori online 1079
VITTORIA - 21/08/2015
Attualità - Il manager dell’Asp 7 risponde al sindaco Nicosia

Nessun declassamento di ortopedia al "Guzzardi"

Il primo cittadino resta comunque vigile Foto Corrierediragusa.it

"Nessun declassamento dell´eccellenza di ortopedia al "Guzzardi" di Vittoria" (foto): la rassicurazione giunge direttamente dal manager dell´Asp 7 di Ragusa Maurizio Aricò, che spegne così le preoccupazioni del sindaco di Vittoria Giuseppe Nicosia. "Con riferimento a quanto affermato dal primo cittadino a proposito della trasformazione di ortopedia dell’ospedale "Guzzardi" di Vittoria in struttura semplice - si legge nel comunicato di Aricò - si puntualizza che nessuna trasformazione è stata decisa. L’Azienda sta elaborando, sulla base delle disposizioni impartite dal Governo regionale, il proprio Atto aziendale che verrà presentato, per un opportuno confronto e prima della sua adozione, nei prossimi giorni, ai primari, ai sindacati, alla consulta dei sindaci in riunioni appositamente convocate. Il tutto sempre in stretto raccordo con l’Assessorato alla Salute e in coerenza - conclude Aricò - con le linee guida dallo stesso emanate.

I TIMORI DEL SINDACO NICOSIA
Nelle more della presentazione del piano aziendale sanitario, il sindaco Giuseppe Nicosia ha inviato una lettera al direttore generale dell’Asp di Ragusa Maurizio Aricò. «Mi giunge voce – scrive il primo cittadino – che vi sarebbe la volontà di declassare l’unità complessa di ortopedia dell’ospedale "Guzzardi" ad unità semplice. Se tale notizia dovesse essere confermata, si tradurrebbe in un grave danno per la nostra sanità. L’ortopedia di Vittoria, infatti, rappresenta un’eccellenza che negli anni è diventata punto di riferimento non solo per il bacino d’utenza del "Guzzardi", che, peraltro, è già di per sé assai ampio, ma anche per pazienti che provengono da altre realtà e che nel nostro presidio sanitario trovano altissime professionalità, competenza ed elevati standard qualitativi. Trasformare l’unità complessa in unità semplice significherebbe declassare il reparto, che lavora sull’intera gamma ortopedica, dalla traumatologia a tutte le tipologie di protesi, con la conseguenza di effettuare tagli sul personale e sui servizi, mortificando una realtà che opera bene, che dà risposte all’utenza e che è altamente produttiva. Tra l’altro, una simile scelta andrebbe in netta controtendenza rispetto agli obiettivi della Regione, che si è prefissata di evitare la mobilità verso il nord dei pazienti che hanno necessità di una protesi ortopedica».

Il sindaco ha quindi chiesto al direttore generale dell’Asp di fare chiarezza sulle voci che si rincorrono, di mantenere inalterato, se mai vi fosse un’intenzione diversa, lo status attuale del reparto di Ortopedia e di essere messo a conoscenza dell’esistenza di eventuali altre decisioni penalizzanti per l’ospedale "Guzzardi".

«Se venisse confermata la notizia del declassamento – ha concluso Nicosia – sarei pronto ad intestarmi una decisa battaglia in difesa della nostra sanità, e a chiamare a raccolta i parlamentari della provincia iblea perchè non sono disposto, infatti, ad accettare passivamente una scelta tanto dannosa».