Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 606
VITTORIA - 11/08/2015
Attualità - Qualcuno segnala il pericolo in maniera originale

Cassette della frutta ficcate nelle buche di Vittoria!

Interviene il consigliere comunale del movimento politico Sviluppo Ibleo Andrea La Rosa Foto Corrierediragusa.it

E´ un modo sicuramente originale e fuori dall´ordinario per segnalare le buche, ma tant´è! Qualcuno si è prodigato a ficcare delle cassette della frutta nelle profonde buche che costellano le strade di Vittoria (foto). «Purtroppo, l’avevamo detto. L’approssimazione con cui erano state sistemate alcune strade, non tutte, di Vittoria, con un asfalto poco adatto alla bisogna, è venuta fuori in occasione delle piogge torrenziali di questi ultimi giorni. Buche che sono ritornate in quantità industriali con gli internauti, su Facebook, che fanno a gara a chi inserisce quella più grossa». Lo dice il consigliere comunale del movimento politico Sviluppo Ibleo, Andrea La Rosa, che si dice indignato per quello che sta succedendo in città. "In centro - dice La Rosa - ci si confronta con i problemi legati alla presenza delle buche sull’asfalto che hanno ora raggiunto le dimensioni di vere e proprie minivoragini. Se prima ci si era dati un minimo da fare per asfaltare le situazioni più critiche, ora, a causa della pioggia, tutto l’asfalto, evidentemente non sistemato nella maniera migliore, è saltato, creando altre situazioni di emergenza. Chiediamo, perlomeno, di provvedere a sistemare le buche più grosse anche per evitare che i cittadini, così come è accaduto in un paio di casi, si diano da fare con l’utilizzo di segnalatori impropri, come cassette della frutta, a coprire le buche, per evidenziare che cosa non va. Vittoria - conclude La Rosa - sembra essere diventata una città da terzo mondo».