Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:49 - Lettori online 1072
VITTORIA - 05/08/2015
Attualità - L’assessore al ramo si sta dando da fare per risolvere la faccenda

Cimitero senza celle frigorifere a Vittoria: la salma puzza

Pare che alla base dell’inefficienza vi sia una carenza cronica di fondi Foto Corrierediragusa.it

Il cimitero comunale di Vittoria (foto) è dotato di 6 celle frigorifere: di queste ben 5 sono fuori causa e una sola funziona, peraltro "a mezzo servizio". Nessuno sarebbe venuto a conoscenza di tanta inefficienza se la salma di un cittadino rumeno senza parenti e morto da circa 20 giorni in circostanze piuttosto misteriose nelle campagne del vittoriese, in attesa di essere trasportata in Romania per la sepoltura, non fosse andata in decomposizione provocando un lezzo insopportabile all’ingresso del cimitero che in molti non hanno potuto fare a meno di sentire anche turando il naso. E lì il cadavere sarebbe rimasto per chissà giorni ancora se il caldo torrido di questi giorni non avesse accelerato il processo di decomposizione. Gli addetti ai servizi cimiteriali in questi giorni lo hanno tolto dalla cella mal funzionante e sigillato in una cassa zincata (pagata dall’amministrazione comunale a una ditta di onoranze funebri) in attesa che qualcuno si faccia avanti per trasportarlo in Romania. L’assessorato al cimitero retto dall’assessore Filippo Cavallo s’è dato da fare con estrema urgenza per ripristinare la funzionalità delle celle frigorifere. La ditta che effettua la manutenzione è riuscita a riparare solo una cella, poi, dicono, ha dovuto fermare i lavori perché probabilmente sono finiti i finanziamenti.

Il cittadino straniero che attende di essere sigillato dentro una cassa zincata, sarebbe stato trovato cadavere a terra circa 20 giorni fa, in una zona agricola dove lavorava. Aveva una ferita alla testa. Dell’episodio non è trapelata alcuna notizia da fonti ufficiali. L’unica certezza è che il romeno, non essendo stato sigillato nella cassa zincata è andato in putrefazione per il guasto delle celle frigorifere al cimitero di Vittoria.