Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 633
VITTORIA - 29/07/2015
Attualità - La struttura è stata intitolata a Marco Verde

Campo sportivo intitolato a Vittoria a carabiniere caduto

Il militare vittoriese fu ucciso in servizio a Napoli Foto Corrierediragusa.it

Un campo sportivo polivalente è stato inaugurato presso l´area della Fiera Emaia. La struttura è stata intitolata a Marco Verde, giovane carabiniere vittoriese, caduto durante l´espletamento del suo servizio a Napoli, in un conflitto a fuoco, a soli 23 anni e riconosciuto "vittima del dovere". Alla cerimonia erano presenti il sindaco ed i rappresentanti civili e militari della provincia. L’impianto è stato realizzato dall´amministrazione comunale nell’ambito del Progetto Quadro «Io gioco legale", inserito nel Pon "Sicurezza per lo Sviluppo voluto dal Ministero dell’Interno. Il carabiniere Riccardo Marco Verde si era arruolato nell’Arma quale Carabiniere ausiliario nel 1987 per poi diventare effettivo. Assegnato ad una Stazione Carabinieri di Napoli Arenaccia, nel1991 era stato assassinato nel centro partenopeo presso il cinema «Delle Palme» durante un conflitto a fuoco con il pregiudicato Antonio Bambace, boss emergente della camorra, deceduto anch’egli per le ferite riportate.

Il giovane carabiniere vittoriese, libero dal servizio, nel giorno del suo 23esimo compleanno insieme ad altri due colleghi si era recato presso una sala cinematografica per ad un film. Nella sala aveva riconosciuto un noto latitante che alla fine del primo tempo si stava allontanando dalla sala. Il carabiniere, insospettitosi, lo seguì all’esterno ma questi, vistosi scoperto, gli sparò con estrema efferatezza, colpendolo mortalmente. I colleghi del militare intervennero e spararono contro l’assassino che successivamente morì per le ferite riportate.