Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:44 - Lettori online 879
VITTORIA - 20/07/2015
Attualità - Lo prevede un Accordo di programma quadro per trasporto merci

Cna Vittoria, rendere autoporto operativo a settembre

«Con l’inaugurazione dell’interporto di Catania- affermano La Terra e Stracquadanio- indispensabile il collegamento della struttura vittoriese»
Foto CorrierediRagusa.it

Entro il mese di settembre l’autoporto di Vittoria dovrà essere operativo. E’ l’auspicio della Cna territoriale di Vittoria. «Perché il completamento in tempi rapidi dell’autoporto di Vittoria (foto), considerata l’inaugurazione dell´interporto di Catania avvenuta pochi giorni fa, diventa ancora più urgente»- affermano il presidente della, Giuseppe La Terra di concerto con il responsabile organizzativo, Giorgio Stracquadanio.

Autoporto e interporto catanese sono legati da un accordo di programma. «L´infrastruttura catanese – aggiungono La Terra e Stracquadanio – insieme con il nostro autoporto, era inserita nel famoso «Accordo di programma» quadro del trasporto merci e della logistica siciliana. Entrambe quindi sono strutture rilevanti per lo sviluppo del Sud Est e devono in qualche modo «dialogare».

In quest´ultimo periodo abbiamo verificato come i lavori di completamento del primo stralcio dell’autoporto siano quasi in dirittura d´arrivo (il condizionale è fortemente obbligatorio). Pare che manchi solo di asfaltare la viabilità interna della struttura. Se è così come pensiamo, il primo pezzo dell´autoporto potrebbe essere pronto entro settembre e quindi messo subito nelle condizioni di poter operare».

«Per questo, come Cna – continuano ancora La Terra e Stracquadanio – oltre a risollecitare l’Amministrazione (nella qualità di ente che ha appaltato l´opera), affinché sia rispettato il completamento dell´autoporto, ci stiamo attivando per individuare e proporre modelli di gestione dell´infrastruttura. Nel contempo non sappiamo, anche se più e più volte abbiamo incalzato la Giunta municipale, se sono stati avviati tutti i percorsi che portino ad appaltare il secondo stralcio dell´opera. Infine, facciamo notare che il nostro Comune ha aderito al «Distretto del Sud-Est», uno strumento che è stato definito utile al rilancio di questa zona e che può facilitare l´accesso ai fondi europei di Horizon 2020. Se questo progetto ha preso forma e ha assunto consistenza pensiamo sia venuto il tempo di farlo funzionare proprio a partire dall’autoporto».