Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 824
VITTORIA - 05/07/2015
Attualità - IL club Città di Vittoria di Forza Italia prende posizione

Terranova: "Troppe azioni giudiziarie a Vittoria. Perchè?"

"E’ di tutta evidenza che l’azione amministrativa, anziché essere indirizzata verso il soddisfacimento dei servizi essenziali che il cittadino legittimamente si aspetta, è paralizzata" Foto Corrierediragusa.it

«Il 30% delle attività del comune di Vittoria consistono in azioni giudiziarie». Lo sostiene Riccardo Terranova (foto) del club Città di Vittoria di Forza Italia. «Il dato – dice Terranova – salta fuori da un censimento a tappeto effettuato sulle circa 900 delibere adottate dalla giunta municipale del sindaco Nicosia solo negli ultimi 18 mesi. Infatti, nel corso del 2014 e del primo semestre 2015 sono state adottate dalla Giunta Municipale ben 276 Delibere riguardanti procedimenti giudiziari di varia natura (186 nel 2014 e 90 nel 2015) che vanno dal decreto ingiuntivo di pagamento, alla esecuzione di sentenze, alla costituzione in giudizio per resistere alle tantissime azioni giudiziarie poste in essere da cittadini eda tante imprese, professionisti o fornitori nei confronti del comune, per passare dalle transazioni ai rimborsi di spese legali, alle cause di lavoro ed ai risarcimenti dei danni alle autovetture per danni derivanti dal dissesto stradale. Con riferimento a quest’ultimo dato vi è da rilevare l’aspetto ridicolo, forse tragicomico – prosegue Terranova – atteso che le azioni giudiziarie, con sentenze, e quelle di richiesta risarcimenti sono state addirittura ben 64.

E’ di tutta evidenza che l’azione amministrativa, anziché essere indirizzata verso il soddisfacimento dei servizi essenziali che il cittadino legittimamente si aspetta, è paralizzata dalle azioni giudiziarie e dalle conseguenza economiche che ne derivano. Tale stato di cose evidenzia, altresì, il fatto che la restante parte della «azione amministrativa» – conclude Terranova – è da ritenere fallace».