Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 733
VITTORIA - 10/10/2007
Attualità - Vittoria - Denuncia del segretario di An Andrea Nicosia

Camposanto pericoloso
per la pubblica incolumità

Il colonnato verserebbe in precarie condizioni statiche Foto Corrierediragusa.it

Cimitero a rischio. Lo dice Andrea Nicosia, il giovane segretario di Alleanza siciliana. Ha scoperto che al cimitero di contrada Cappellaris si rischia l’incolumità pubblica.

"Un’ordinanza comunale, la 56 del febbraio 1996, vieta l’accesso alle persone lungo tutto il colonnato posto al lato destro del viale centrale del Cimitero di Vittoria- scrive Nicosia- divieto derivante dalle precarie condizioni statiche in cui versa il colonnato: sembra che infiltrazioni nel tempo abbiano provocato degrado nel terreno e quindi il cedimento di alcune zone del colonnato: Tutto questo avveniva 11 anni fa".

E se Nicosia interviene oggi è perché "le infiltrazioni non si sono fermate, basta guardare lo spostamento in fuori delle colonne, niente è stato fatto se non rimuovere il divieto di passaggio sotto il colonnato, e costruire un’impalcatura che limita solamente la visione dello stato dell’arte dei danni e impedisce il cadere di calcinacci addosso ai cittadini, sicuramente non potrebbe impedire il crollo di una struttura imponente quale il colonnato".

Un’altra incompiuta tenuta bloccata per 11 anni. "Cosa si aspetta a mettere in sicurezza questa struttura- afferma Nicosia- posta all’ingresso del cimitero, imbragata da 11 anni con dei tubi e legname e che sicuramente non fà bella mostra di sé?; Perché si consente ai cittadini di passare sotto di esso senza avvisarli del pericolo che corrono tutti i giorni?". Gli interrogativi sono rivolti all’amministrazione comunale. "Non attenzionare un problema di questa gravità, significa non curarsi del buon vivere e della sicurezza dei cittadini, ma pensare ad altro".