Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:49 - Lettori online 1394
VITTORIA - 18/04/2015
Attualità - Solidarietà e beneficenza al Teatro Comunale di Vittoria

Marzotto a Vittoria: "Ricerca per battere fibrosi cistica"

Il famoso e poliedrico imprenditore promoter di iniziative sociali tese a favorire la ricerca sulla grave malattia genetica
Foto CorrierediRagusa.it

La «brutta bestia», così la chiamano i pazienti affetti da fibrosi cistica, è dura a morire, ma la «ricerca- ha detto il manager dell’Asp 7 Maurizio Aricò- è la migliore assistenza per il malato». Di fibrosi cistica si è parlato a Vittoria, alla presenza di un ospite d’eccezione, il poliedrico Matteo Marzotto, imprenditore d’eccellenza del nostro Paese, ma anche sportivo a 360° e anche pilota di aeroplano ed elicottero con circa 3000 ore di volo. Marzotto è l’esempio della solidarietà nazionale, dopo la prematura morte della sorella Annalisa nel 1990 all’età di 32 anni, ha prima contribuito a costituire la Fondazione per la ricerca sulla fibrosi, poi ne è divenuto il vice presidente fungendo da traino per il volontariato. «Abbiamo raccolto circa 20 milioni di euro da quando esiste la Fondazione- ha riferito Graziella Borgo, vice direttore scientifico della Fondazione. Grazie a Vittoria, all’impegno di Daniele La Lota, responsabile delegato della Fondazione per le zone di Vittoria, Ragusa e Catania 2, stiamo lavorando a un altro progetto del costo di 20 mila euro che serve ad individuare il test utile per identificare i portatori sani».
Fra le varie strutture d’Italia, quella che risponde al meglio alle aspettative dei pazienti è proprio la delegazione ipparina, il cui responsabile, Daniele La Lota, è riuscito a portare a Vittoria il direttore del Policlinico di Messina Giuseppe Magazzù, centro di eccellenza per questa patologia) e a organizzare decine di iniziative di alto impatto sociale in grado di ottenere ottimi risultati in quanto a raccolta di fondi economici.

La presenza di Matteo Marzotto a Vittoria è servita anche per promuovere il libro dell’imprenditore dal titolo «BikeTour pedalando per la ricerca», acquistato da tutti i club service al il fine di devolvere il ricavato a favore della ricerca. La manifestazione è stata moderata dalla nostra Nadia D’Amato ed ha visto la partecipazione del direttore sanitario dell’Asp 7 Pino Drago, il quale si è impegnato per favorire un centro di riferimento locale per evitare alle famiglie il disagio di recarsi con frequenza nei centri specializzati, fra questi Messina.

La fibrosi cistica si manifesta in soggetti partoriti da genitori entrambi portatori sani del gene. I pazienti stimati in Italia sono 7000. La malattia colpisce i polmoni e il pancreas, a poco a poco toglie il respiro.

Daniele La Lota ha fornito dati agghiaccianti. «Il paziente che convive con la «brutta bestia» in un anno e per tutta la vita deve assumere 8 mila pillole, sottoporsi a 1500 aerosol, 700 trattamenti di fisioterapia respiratoria, 200 trattamenti di antibiotici in vena. L’ospedale, in certi momenti, diventa la dimora principale del malato e dei genitori».

Nella foto in alto, Giuseppe Magazzù, Matteo Marzotto, Graziella Borgo, Daniele La Lota