Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:06 - Lettori online 1381
VITTORIA - 09/02/2015
Attualità - L’interrogazione a Crocetta e Borsellino mette in evidenza la disparita di servizio con Modica

Assenza: trattamento maculopatie oculistica Vittoria

Nel reparto di eccellenza diretto dal primario Alberto Belluardo, dove accedono 200 mila pazienti l’anno, impossibile effettuare tale servizio per mancanza di attrezzature
Foto CorrierediRagusa.it

Il reparto Oculistica dell’ospedale di Vittoria, diretta dal dott. Alberto Belluardo, è una dei uno fiori all’occhiello della sanità ipparina. Ospita malati non solo ragusani, ma anche delle vicine città di Gela e Niscemi. Rispetto al nosocomio di Modica, ad esempio, è meno dotato di attrezzature idonee a svolgere il trattamento delle maculopatie.

Il deputato comisano Giorgio Assenza (foto) s’intesta questa battaglia e presenta un’interrogazione parlamentare, insieme alla collega dell’Ars Vanessa Ferreri, diretta al presidente Rosario Crocetta e all’assessore Lucia Borsellino.

Ancora una volta emerge la disparità di trattamento tra la sanità ipparina e quella ragusana e modicana. «L’unità operativa oculistica dell’Ospedale di Vittoria –scrive Assenza- deve essere riconosciuta, al pari di quella dell’Ospedale «Maggiore» di Modica, quale centro per il trattamento delle maculopatie».

«Da sempre – prosegue il deputato ibleo – nell’ospedale di Vittoria, seppure tra mille difficoltà, si è svolta un’ottima attività chirurgica che ha garantito il trattamento di complesse patologie oculari con eccellenti risultati. Considerando anche che al «Guzzardi» di Vittoria affluiscono non solo i pazienti del versante ipparino ma anche quelli dei territori limitrofi di Gela e Niscemi, registrando oltre 20.000 accessi all’anno in reparto è necessario ottenere, nel più breve tempo possibile, questo riconoscimento al pari del nosocomio modicano».