Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 13:05 - Lettori online 152
VITTORIA - 04/11/2014
Attualità - Presentata la 48ma Campionaria novembrina che si svolgerà dall’8 al 16

Emaia, adesso il ticket si paga solo per 3 giorni

L’annuncio dato dal presidente Denaro, condiviso dal sindaco Nicosia e dal presidente Sbezzo. Ingresso a pagamento il 9, 15 e 16 novembre. Il ricavato per migliore servizi a visitatori ed espositori. Nicosia: «Indietro non si torna, si paga in tutte le fiere del mondo, cosa sono 2 euro all’Emaia per 3 giorni?»
Foto CorrierediRagusa.it

Tutto esaurito nella cittadella fieristica per la 48ma Emaia di novembre. Al fascino della campionaria non si resiste. Il mondo produttivo vuole esserci per sfidare la crisi. Alla conferenza stampa di presentazione, sindaco Giuseppe Nicosia, presidente Giovanni Denaro e direttore Paolo Sbezzo, hanno annunciato le novità di questa edizione. Che faranno discutere, ma indietro non si torna. Dall’8 al 16 novembre, per 3 giorni per entrare si pagherà il ticket d’ingresso, 2 euro a visitatore domenica 9, sabato 15 e domenica 16 novembre. Il ricavato sarà messo a disposizione per migliorare i servizi ai visitatori e agli stessi espositori.

In passato ci avevano provato l’ex presidente Salvatore Di Falco e l’ex direttore Angelo Fraschilla, ma la demagogia e il populismo di marca vittoriese non avevano permesso l’introduzione del ticket che invece si paga per tutte le fiere del mondo di un certo livello. Per 5 giorni potranno entrare gratis tutti, escluso il 9, il 15 e il 16. «Nicosia ha salutato positivamente l’introduzione del biglietto a pagamento. «Mi fa piacere – ha affermato – che i vertici dell’ente fieristico abbiano sposato un’idea che coltivo da tempo. Mi pare incredibile che si paghi l’ingresso in tutte le fiere, tranne all’Emaia. Le eventuali critiche in questo senso, sarebbero pretestuose».


Per Giovanni Denaro, «le imprese, nonostante la lunga fase di crisi, ritengono che l’Emaia rappresenti un autorevole punto di riferimento commerciale. Infatti, guardano al Polo Fieristico del Mediterraneo con rinnovato interesse. A questo proposito, la Campionaria Nazionale da 48 anni incarna al meglio la narrazione collettiva del tessuto economico vittoriese. La «Novembrina» è un evento di successo. Il bilancio delle ultime edizioni è ottimo. La risposta dei visitatori si è rivelata, ancora una volta, positiva. Una moltitudine di gente ha invaso la Cittadella Fieristica. Gli espositori hanno confermato la loro soddisfazione. Sebbene il potere d’acquisto sia basso, molti affari sono andati a buon fine».

Paolo Sbezzo ha evidenziato un aspetto «irrinunciabile: la presenza massiccia degli espositori».
Ma il direttore ha voluto sottolineare che la «Fiera Emaia, come sempre, conferma una ricca e articolata sezione dedicata agli incontri e ai seminari. Infatti, da qualche anno a questa parte, l’ente fieristico riesce a coniugare, perfettamente, l’aspetto commerciale con quello formativo. A questo proposito, ritengo che la sezione dei convegni sia, ancora una volta, di alto profilo».

Grande attrazione di questa Emaia, come sempre, saranno la fiera del bestiame, organizzata da Enzo Barbante, e la tradizionale fiera di San Martino. Nicosia ha annunciato anche un’altra novità: a inaugurare la 48ma Emaia dovrebbe essere direttamente il presidente della Regione Rosario Crocetta? Sarà vero? Lo sapremo solo il giorno dell’inaugurazione, fissata per sabato 8 novembre alle ore 16.


Nella foto in alto, da sinistra Andrea Di Falco, Giovanni Denaro, Giuseppe Nicosia e Paolo Sbezzo