Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 1047
VITTORIA - 12/10/2014
Attualità - Promosso e voluto dal medico Gaetano Giarratana

Nelle scuole vittoriesi parte progetto primo soccorso

E’ in memoria della piccola Irene Iozzia, la giovane studentessa vittoriese prematuramente scomparsa a causa di un fatale malore durante l’ora di educazione fisica Foto Corrierediragusa.it

Al via il progetto «Primo Soccorso nelle Scuole» giunto al suo secondo anno di fila curato e portato avanti da Gaetano Giarratana (nella foto). L´iniziativa vuole consegnare alla città ragazzi formati nelle manovre principali di primo soccorso. Ad eseguire gratuitamente le lezioni nei vari Istituti scolastici il medico vittoriese Gaetano Giarratana, fortemente convinto nell’esposizione di un progetto mirato solo ed esclusivamente a formare futuri cittadini più altruisti, disponibili e soprattutto preparati ad aiutare il prossimo in caso di difficoltà.

«Vorrei innanzitutto ricordare – spiega Giarratana – che tutto nasce in memoria della piccola Irene Iozzia (la giovane studentessa vittoriese prematuramente scomparsa a causa di un fatale malore durante l’ora di educazione fisica a scuola) e questi corsi, che riprenderanno in settimana dopo una prima edizione ricca di partecipanti e positivi coinvolgimenti, hanno esclusivamente lo scopo di consegnare ragazzi formati nelle tecniche di primo soccorso all’interno degli istituti comprensivi; si partirà dalla «Guglielmo Marconi». Lo faremo gratuitamente – sottolinea l’ideatore dell’iniziativa - perché l’opera di sensibilizzazione all’aiuto del prossimo è uno scopo da raggiungere e al quale non possiamo sottrarci. Desiderio mio è quello di riscuotere lo stesso interesse ed entusiasmo di alunni e docenti riscontrato negli anni passati. Al mio fianco – conclude Giarratana – due giovani medici di guardia medica, Andrea Puglisi e Annarita Bongiovanni i quali, come il sottoscritto, hanno deciso spontaneamente e con il cuore di andare avanti in questo progetto».