Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:28 - Lettori online 1373
VITTORIA - 03/09/2014
Attualità - Da una nobile idea dell’ing. Dario Gulino

Gruppo Facebook pro bimbi in difficoltà: Vittoria aderisce

Gulino: «Uno degli scopi principali del è quello di riutilizzare quel che non si usa più, donandolo. Perché il riuso aiuta i bimbi in difficoltà, ma riduce anche i rifiuti e l’inquinamento»
Foto CorrierediRagusa.it

Il Comune di Vittoria ha aderito al gruppo di facebook denominato «Fb for children» e voluto fortemente dall’ingegnere Dario Gulino (nella foto il primo a sinistra), creatore del gruppo. I motivi dell’adesione il sindaco Giuseppe Nicosia li ha spiegati in una conferenza stampa a palazzo Iacono alla quale ha partecipato anche il segretario del Pd Francesco Cannizzo. Le finalità del gruppo sono quelle di aiutare i bambini in difficoltà.

«Per iscriversi –dice Dario Gulino- basta mettere sul motore di ricerca di Facebook «FB for children» ed aggiungersi al gruppo. Basta mettere un annuncio di che cosa si intende donare oppure se si è a conoscenza di bimbi in difficoltà e segnalare di cosa hanno bisogno. In poche parole il gruppo social diventa un medium vero e proprio, fa da tramite e unisce la domanda e l’offerta, cioè le necessità del bimbo e quello che una persona vuole donare. Uno degli scopi principali del è quello di riutilizzare quel che non si usa più, donandolo. Perché il riuso aiuta i bimbi in difficoltà, ma riduce anche i rifiuti e l’inquinamento».

Un’iniziativa inedita e al contempo nobile, perché persegue fini di solidarietà sociale in direzione di soggetti deboli. «FB for children –è stato detto- è un gruppo sul social network Facebook, nato il 19 luglio scorso, che ha lo scopo aiutare tutti i bimbi accompagnandoli dalla loro nascita alla loro adolescenza, che non hanno possibilità di avere vestiti e giocattoli necessari per la loro crescita. E quindi vestiti, giocattoli e accessori scolastici, ma anche consulenza pediatrica, o semplicemente del tempo libero per il doposcuola».