Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 286
VITTORIA - 18/07/2014
Attualità - Per l’anniversario della morte di Paolo Borsellino

Antiracket: Tano Grasso, Tizian e Caponetti a Scoglitti

Organizzato da Eliana Giudice, presidente dell’Antiracket e Antiusura di Vittoria, per tenere alta la guardia contro le mafie che distruggono l’economia in crisi
Foto CorrierediRagusa.it

Il meglio dell’Antiracket sarà sabato sera a Vittoria per un convegno organizzato dall’Associazione Antiracket e Antiusura di Vittoria, presieduta da Eliana Giudice. A Largo Kamarina di Scoglitti, sabato sera alle 20.30, saranno presenti Tano Grasso (foto), presidente nazionale onorario della FAI, Giovanni Tizian, giornalista dell´Espresso, Renzo Caponetti, presidente Ass. Antiracket e Antiusura di Gela.

Il convegno- dibattito tratterà i tema "Crisi economica, come tutelare le imprese sane, come difendersi dall’economia criminale», partendo proprio dalla figura Paolo Borsellino, ucciso insieme alla sua scorta e diventato un simbolo della lotta alla mafia. «Una figura quella di Borsellino- afferma Eliana Giudice- più che mai attuale, per il suo forte richiamo a morale ed etica, e per le intuizioni sugli intrecci economico-finanziari delle mafie, che fin dagli anni 70 avevano cominciato a trasformarsi in aziende e a inquinare l´economia italiana».

Ad inizio serata sarà proiettato un breve video di Pif, che corre contro la mafia e ci ricorda di difendere da vivi tutti i magistrati, gli esponenti delle forze dell´ordine e i giornalisti che lottano ogni giorno contro la mafia. Continua quindi l´impegno dell’Ass. Antiracket e Antiusura di Vittoria, che dal 7 febbraio 2014, giorno della sua presentazione alla città di Vittoria, ha avuto un intenso programma di incontri con le scuole, con le associazioni di categoria e con la società civile, per promuovere la cultura della legalità e che è presente sul territorio per sostenere tutte le imprese ed attività commerciali che vogliono restare nella legalità e dire no alla mafia.