Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 611
VITTORIA - 24/06/2014
Attualità - Cambiano i musicanti, ma la musica è sempre la stessa!

Vittoria e Scoglitti sommerse da pattume

E al sindaco non rimane altro che arrabbiarsi, diffidare, minacciare
Foto CorrierediRagusa.it

Se Vittoria e Scoglitti sono sporche e malridotte dal punto di vista dell’igiene urbana, il motivo c’è. La Sap, la società agrigentina che gestisce l’appalto dei rifiuti, è in ritardo con i pagamenti ai dipendenti, i quali hanno cominciato a incrociare le braccia. Cambiano i musicanti, ma la musica è sempre la stessa! Chi ne paga le conseguenze sono i cittadini che puntualmente ricevono le bollette per pagare il pessimo servizio della raccolta rifiuti al Comune. Non sta facendo rimpiangere l’Amiu, la Sap, ma le premesse ci sono tutte. Siamo già alle porte di luglio e Scoglitti stenta ancora a trovare la sua identità. Lungomare rattoppato, strade in condizioni pietose, lotti interclusi ricettacolo di immondizia, oppure isole per parcheggi selvaggi e gratuiti per turisti forestieri mordi e fuggi. Come ogni anno, del resto. Tutti i progetti sul piano traffico e sui parcheggi che potrebbero migliorare la vivibilità e diventare punto di introito finanziario per l’ente, restano ferme al palo. Idee e promesse irrealizzabili. Ciò che in un altro comune è fattibile, a Vittoria diventa difficile realizzare.

E al sindaco non rimane altro che arrabbiarsi, diffidare, minacciare. Giuseppe Nicosia è il primo a intervenire, a seguito delle lagnanze di numerosi cittadini. Ha incontrato a Palazzo Iacono i responsabili della Sap, i lavoratori della stessa e i rappresentanti sindacali di Cgil, Ugl e Fiadel. «Ho intimato alla Sap – ha dichiarato il primo cittadino – il rispetto degli obblighi contrattuali, il pagamento degli stipendi senza ulteriore ritardo e una migliore pulizia di Vittoria e Scoglitti. La mia posizione è stata quasi integralmente condivisa dai rappresentanti dei sindacati: è stato chiesto a voce unanime alla società agrigentina il pieno rispetto dei diritti dei lavoratori e un netto miglioramento dei servizi di pulizia. Il Comune non ha alcun ritardo nei pagamenti alla Sap, perciò la ditta non ha alibi da questo punto di vista. Mi aspetto una riscossa e un celere recupero, ed ho esortato la società a riprendere subito il lavoro: Vittoria e Scoglitti non possono pagare per le inadempienze della ditta. Pretendo un miglioramento verticale dei servizi rispetto alla vecchia gestione».

Sarebbe auspicabile, a questo punto, che anche la Sap si pronunciasse ufficialmente sui motivi dei ritardi e perché non paga i dipendenti con puntualità, giusto per avere un quadro chiaro ed esaustivo della situazione. E’ presto per dire «arridatece l’Amiu», ma si sta facendo di tutto per rimpiangere quell’ente municipalizzato che veniva dipinto come un carrozzone mangiasoldi.

Nella foto in alto spazzatura a Scoglitti