Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 760
VITTORIA - 20/06/2014
Attualità - In sede di udienza preliminare

Abuso d´ufficio: prosciolti sindaco e giunta Vittoria

Per la vicenda della concessione di un contributo concesso per l’avvio di un impianto sportivo in Contrada Mazzara Foto Corrierediragusa.it

Il sindaco Giuseppe Nicosia (foto) e la giunta municipale sono stati prosciolti dall’imputazione di abuso d’ufficio relativa alla concessione di un contributo concesso per l’avvio di un impianto sportivo in Contrada Mazzara.
«Io e la giunta municipale – dichiara il primo cittadino – siamo stati per l’ennesima volta sottoposti a verifica giudiziaria, in questo caso a seguito dell’infondata denuncia per un contributo concesso per l’avvio di un impianto sportivo. In sede di udienza preliminare, siamo stati prosciolti dall’imputazione di abuso d’ufficio: l’operato dell’amministrazione è stato ritenuto esente da censure penali e positivo per le ragioni della pubblica amministrazione. In questi anni sono stato sottoposto a decine di denunce calunniose, a maldicenze, in alcuni casi anche a verifiche doverose, e sino ad oggi, e confido che così sarà anche in futuro, il nostro operato, vagliato e radiografato dall’autorità giudiziaria, è stato ritenuto corretto.

L’esito delle indagini, infatti, ha dimostrato l’esatto opposto di ciò cui aspiravano i nostri denigratori, che hanno ottenuto come unico risultato quello di fare perdere tempo prezioso alla magistratura. Ciò che conta è che, nonostante nel compito di amministrare si possa incorrere in errori nell’applicazione della legge, ancora una volta il tentativo di farci passare per amministratori scorretti ha sortito l’effetto opposto, ovvero la piena attestazione della legalità e della correttezza dei nostri atti».