Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 574
VITTORIA - 22/05/2014
Attualità - Grande serata di beneficenza sabato al Golden di Vittoria

Foreverland, il sogno di vincere la fibrosi cistica in un film

Realizzato dal giovane regista canadese Maxwell McGuire, anch’egli malato di fibrosi, racconta l’amore per la vita e il sogno di avere una famiglia normale. Il ricavato sarà devoluto dalla Fondazione fibrosi cistica onlus Verona a un progetto per la ricerca universitaria
Foto CorrierediRagusa.it

Un film, «Foreverland», per coltivare il sogno di combattere e vincere la fibrosi cistica, una malattia genetica contro la quale la ricerca sta facendo il massimo per debellarla. Sarà proiettato a Vittoria, presso la sala Golden, sabato sera alle 21, e il ricavato dell´incasso sarà devoluto in beneficenza a favore del progetto di ricerca FFC 3/2013, coordinato da Mauro Mazzei del Dipartimento di Farmacia dell´Università di Genova. Lo studio, del valore di 100mila euro e della durata di due anni, punta alla ricerca di correttori per la mutazione ΔF508, la più diffusa tra i malati di fibrosi cistica. Correttori derivati da elaborazioni informatiche e da composti naturali sicuri per una sollecita applicazione clinica.

A organizzare la serata di beneficenza, Daniele La Lota, il vulcanico responsabile delegato della Fondazione FFC di Vittoria-Ragusa-Catania 2, che si avvarrà del patrocinio del Comune di Vittoria. Sarà presente anche la senatrice Venerina Padua, componete della Commissione Sanità al Senato. Il regista del film, il giovane canadese Maxwell McGuire, affetto anch’esso da fibrosi cistica, attualmente in tournè nazionale in Italia esclusivamente per la Fondazione Ricerca Fibrosi Cistica, porta sul grande schermo l’esperienza di chi soffre di questa grave malattia con la volontà di dare un messaggio universale di speranza: siano 30 o 300 anni, ognuno pensa che la vita sia sempre troppo breve; ma non è mai tardi per vivere pienamente il proprio tempo, cogliendone il meglio e lasciandosi andare all’inaspettato.

La trama del film è abbastanza toccante. «Foreverland» parla dei sogni e del coraggio di perseguirli. Racconta l’amore per la vita, per una donna, la speranza, le delusioni, le risate e i grandi miracoli che la vita ha in serbo per chi ha la disponibilità di ascoltarla. Il protagonista, Will Rankin, è un ragazzo affetto da fibrosi cistica a cui un amico, scomparso per la stessa malattia, affida il compito di spargere le proprie ceneri in un leggendario santuario in Messico. Insieme alla sorella dell’amico, Will intraprende un avventuroso viaggio lungo la Pacific Coast Highway attraverso il deserto di Baja, dove incontra una memorabile serie di personaggi.