Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 360
VITTORIA - 06/04/2014
Attualità - Dopo la denuncia del militare dell’Arma, è scattato il piano antirandagismo

Cani randagi a Scoglitti, assessore avvia piano cattura

Molti cani, osserva l’assessore, sono microchippati, per cui è possibile risalire ai proprietari, che saranno sanzionati a norma di legge
Foto CorrierediRagusa.it

La denuncia del maresciallo dell’Arma dei Carabinieri e della moglie, che nei giorni scorsi sono stati accerchiati dai cani randagi sul lungomare di Scoglitti, ha sortito l’effetto sperato. L’assessore Salvatore Avola (foto) ha «sguinzagliato» il personale addetto alla cattura dei randagi ed ha scoperto che molti cani non sono randagi, ma hanno un padrone con tanto di nome e cognome. Proprietari che saranno sanzionati a norma di legge. Questo grazie ai microchip riscontrati negli animali, incautamente lasciati liberi dai proprietari. I randagi, invece, saranno catturati e messi nelle condizioni di essere accuditi in maniera civile senza che possano creare pericolo ai pedoni.

«A seguito di numerose segnalazioni- dice l’assessore Avola- questo Assessorato ha attivato, attraverso l’Ufficio Ecologia e la Polizia Municipale, la procedura per la cattura dei randagi, che nei giorni scorsi avevano suscitato preoccupazione tra la popolazione. Ieri, infatti, è stato svolto un apposito servizio congiunto, anche con l’ausilio del personale specializzato della ditta «Dog Project», teso all’individuazione degli animali da catturare. Risulta, purtroppo, che molti dei cani, ritenuti randagi, sono regolarmente ‘microchippati’ e, pertanto, è possibile risalire ai loro proprietari che adesso saranno sanzionati a norma di legge. L’attività proseguirà nei prossimi giorni e fino alla cattura degli animali presenti sul territorio».


siamo sempre alle solite
06/04/2014 | 23.25.26
giancarlo

Se il Carabiniere non si fosse trovato con la moglie lì e piuttosto vi fosse stato un cittadino comune, come per altro segnalato in altre occasioni, eco di soluzioni non ve ne sarebbero state. Siccome tra Enti evidentemente le cose si devono risolvere si risolvono. Prossimamente per risolvere altre questioni qualifichiamoci forze dell´ordine, così l´amministrazione sguinzaglierà i propri dipendenti ai servizi da svolgere..............