Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 17:16 - Lettori online 841
VITTORIA - 05/03/2014
Attualità - Al lavoro il Nucleo per la lotta alla contraffazione costituito dalla Regione

Arance e patate "sospette" al mercato di Vittoria

"La tracciabilità - ha detto l’assessore alle Risorse agricole, Dario Cartabellotta - è un obbligo di legge: la contraffazione e l’agropirateria distruggono l’economia agricola della Sicilia" Foto Corrierediragusa.it

Il Nucleo per la lotta alla contraffazione e all´agropirateria della Regione, costituito dall´assessorato Agricoltura e dall´ assessorato Territorio e Ambiente ha iniziato i controlli sulla tracciabilità delle produzioni agricole. Il primo controllo è stato effettuato nel mercato di Fanello a Vittoria (foto), uno dei più importanti centri di commercializzazione delle produzioni agricole in Sicilia. Quattro squadre, coordinate da due supervisori, composte da tre unità ciascuna, hanno passato al setaccio 72 box presenti all´interno del mercato.
Il controllo ha riguardato ortofrutta, agrumi e patate. Su alcune partite di agrumi, arance per la precisione, è stata riscontrata assenza o grave carenza del sistema di tracciabilità oltre l´assenza di alcuni requisiti fitosanitari come a esempio la mancanza di passaporto su arance con peduncolo e foglie. Prelevati campioni di patate per indagini di laboratorio. Sono inoltre in corso indagini volte a verificare l´origine di alcune partite di patate, confezionate su altra piattaforma del nord Italia di cui era assente la documentazione.

"La tracciabilità - ha detto l´assessore alle Risorse agricole, Dario Cartabellotta - è un obbligo di legge: la contraffazione e l´agropirateria distruggono l´economia agricola della Sicilia".