Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:29 - Lettori online 1566
VITTORIA - 08/02/2014
Attualità - La Confederazione artigianale aggiorna l’agenda delle promesse al sindaco

Zona artigianale: «Promesse non mantenute»

«Il 5 dicembre era tutto fatto, questione di pochi giorni, 2 mesi dopo è ancora tutto ffermo»
Foto CorrierediRagusa.it

Cna, la «sveglia» dell’amministrazione comunale, suona appena l’altra parte dimentica di fare le cose che ha promesso. «Che fine ha fatto-scriono Giuseppe Santocono e Giorgio Stracquadanio- il nuovo regolamento relativo alla zona artigianale? E´ da tempo che ci confrontiamo con l’Amministrazione e ci dicono che è stato redatto un nuovo atto che punta ad ordinare l´area di insediamento, che questo documento è pronto, che deve essere sottoposto all´attenzione delle associazioni di categoria per poi essere approvato dalla giunta e infine approvato in Consiglio comunale. Vorremmo essere smentiti ma noi non abbiamo ancora visto nulla».

I due dirigenti sindacali della Cna si sono ricordati che il 5 dicembre 2013 sindaco Nicosia e amministratori avevano preso un impegno. «Durante l´incontro con il sindaco e gli amministratori, voluto dalla nostra associazione di categoria e dal comitato delle imprese insediate nella zona artigianale, avevamo posto il problema e ci era stato detto che era questione di pochi giorni, che tutto era quasi pronto. E’ come se qualcosa si fosse inceppata. Cosa è accaduto? Ci permettiamo di fare notare che un nuovo regolamento porterebbe (così come ci è stato detto) allo sblocco di alcune aree e quindi consentirebbe, a chi vuole fare investimenti, di creare nuovi insediamenti nella zona contribuendo in modo diretto allo sviluppo sano e ordinato del territorio. Nella zona artigianale è indispensabile ordine, numerosi sono i lotti che si possono riassegnare. Perdere ancora tempo significa mettere limiti a chi vuole creare un ambiente favorevole alla libera e sana iniziativa imprenditoriale».

Nella foto sopra da sinistra Angelo Dezio, Giuseppe Santocono e Giuseppe Nicosia