Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 660
VITTORIA - 28/12/2013
Attualità - La Cna ripresenta il progetto per bypassare i passaggi a livello che bloccano la città

Passaggio a livello, il comune di Vittoria parte civile

Il sindaco ha scritto a Trenitalia: «In caso di incidenti ci costituiremo parte civile». La Cna: «Realizziamo il progetto con i soldi che provengono dall’evasione fiscale»
Foto CorrierediRagusa.it

Il progetto c’è, a bassissimo costo, e le somme si potrebbero trovare. Se si trova anche la volontà politica e amministrativa, il passaggio a livello che non abbassa le sbarre quando passa il treno si può eliminare. Il caso che abbiamo portato alla luce dell’opinione pubblica il 16 dicembre scorso, quando un automobilista ha dovuto «dare la precedenza» al treno per non farsi travolgere, sebbene le sbarre fossero alzate, fa discutere ancora. Ma da Trenitalia neanche uno straccio di risposta. Di questo territorio se ne fregano. Vogliamo la ferrovia inutile? E allora teniamoci anche il pericolo del treno che può travolgere le macchine.

Il sindaco Giuseppe Nicosia qualche giorno dopo la presa di posizione del presidente del Consiglio comunale Salvatore Di Falco, ha scritto a Trenitalia con toni abbastanza decisi perentori. «Visto che quella relativa all’episodio di lunedì è solo una delle tante segnalazioni che si sono succedute in questi anni e che un simile disservizio mette a grave rischio la pubblica incolumità, invito ancora una volta Trenitalia a verificare lo stato di tutti i passaggi a livello esistenti intorno alla città, e a prendere opportuni e immediati provvedimenti in modo da scongiurare eventuali pericoli a persone e mezzi. Nel malaugurato caso di incidente, Trenitalia sarà ritenuta direttamente responsabile e il Comune di Vittoria si costituirà parte civile nel conseguente procedimento penale».

La Cna di Vittoria, alla quale dobbiamo dare atto di avere posto il problema anzitempo e di avere studiato un progetto idoneo per superare il problema, ieri ha preso di nuovo posizione con un altro suggerimento.

«Perché-scrivono Giuseppe Santocono e Giorgio Stracquadanio- non utilizzare le somme provenienti dalla lotta all´evasione per realizzare il progetto che, come Cna, abbiamo proposto, di superamento dei passaggi a livello che bloccano la città?».

Dove prendere i soldi? «La Giunta di palazzo Iacono, pochi giorni fa ha annunciato che il Comune ha la disponibilità di duecentomila euro e vorrebbe che queste somme, inserite nel bilancio di previsione dell´ente, fossero destinate a qualcosa di utile per il territorio. Per questo è stata aperta una sorta di consultazione, un segnale diverso sul versante della condivisione degli strumenti finanziari del Comune che ci porta a riproporre il nostro spunto. Vogliamo ricordarlo sempre: Vittoria si trova al centro di infrastrutture importanti: aeroporto, autoporto, mercato ortofrutticolo e in posizione un poco più marginale il porto di Pozzallo. Se vogliamo puntare realmente allo sviluppo della logistica e della movimentazione delle merci dobbiamo bypassare gli ostacoli che da tempo costringono la città. Come organizzazione avanzeremo la nostra proposta seguendo le indicazioni contenute nel sito del Comune ma, nel frattempo, mobiliteremo le nostre imprese e le altre associazioni affinché il nostro progetto possa trovare adeguato sostegno».