Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 1000
VITTORIA - 09/05/2008
Attualità - Vittoria ? Emaia: Sport, cinema e turismo, tutto quanto fa Motespò

Curare il corpo per arrivare
in forma all’estate

I «corti» di Andrea Di Falco in visione domani dalle 10 alle 12 Foto Corrierediragusa.it

Rosario Lo Bello, arbitro internazionale e figlio del più illustre Concetto, ha inaugurato il nono Salone dello Sport, del Turismo e del Tempo Libero. «Le fiere di solito sono ingessate- ha detto l’ex arbitro siracusano- come il salotto buono di casa, accessibile solo nelle feste, invece Motespò ha un effetto diverso, dirompente per la sua effervescenza, per la possibilità di viverla da protagonisti e non solo da spettatori».

Anche in questa occasione, l’ingresso è gratuito. «Motespò ci insegna che sport, tempo libero, cura della persona, ricerca estetica e viaggi possono innalzare i livelli di qualità del nostro vivere- commenta il presidente della Fiera Emaia Salvatore Di Falco- venite in tuta e scarpette da ginnastica e sarete catturati da una kermesse dinamica e frizzante che non vi lascerà spazi liberi».

In esposizione nella vetrina di Motespò tutto quanto fa sport per una promozione ad ampio raggio della cultura sportiva ma anche la possibilità di «vivere» lo sport partecipando alle dimostrazioni ginniche di fitness, aerobica, step e spinning. «Vedo la partecipazione di molti giovani- aggiunge Lo Bello- scontato dire quanto lo sport, quello dal volto pulito, con le sue regole partecipi a pieno titolo alla crescita personale di ciascuno di noi».

Motespò è anche promozione turistica della città e del territorio. La sinergia fra Emaia e Proloco, che mette in vetrina i gioielli architettonici di una terra ricca d’arte impreziosita dal suo barocco, resa unica dal suo liberty, è la prova inconfutabile. «Una collaborazione perfettibile- spiega Giuseppe Nicosia- non possiamo assolutamente perdere la straordinaria occasione di essere una città e un territorio a vocazione turistica, l’aeroporto di Comiso sta per inserirci in un particolare circuito turistico. Stiamo per essere non solo scoperti ma finalmente per essere raggiunti superando i soliti gap infrastrutturali. E’ giunto il momento di valorizzare il turismo».

Motespò riserva un po’ di spazio anche al cinema. Protagonista, due scuole di Vittoria. Domani presentazione, dalle ore 10 alle 12, di due corti realizzati nell’ambito del corso di cinema diretto da Andrea Di Falco. Il primo «L’uomo che taceva troppo» a cura del IV Circolo Didattico Gianni Rodari e il secondo «L’Ora di cinema» interpretato dagli studenti dell’Istituto comprensivo San Biagio.

L´inaugurazione di Motoespò