Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 1078
VITTORIA - 08/05/2008
Attualità - Vittoria ? Senza la documentazione richiesta il Tribunale non decide

Il Tar rinvia al 5 giugno la decisione sulle perforazioni

Nicosia esulta. la Confindustra vuole le trivellazioni. «Contro la Panther campagne denigratorie e ostruzionistiche» Foto Corrierediragusa.it

Slitta al 5 giugno la decisione del Tar sezione di Catania, che dovrà pronunciarsi sul ricorso presentato dal Comune di Vittoria per la sospensione delle autorizzazioni concesse alla Panther Eureka per le perforazioni di contrada Serra Grande, nei pressi del pozzo di Sciannacaporale.

Per il sindaco Giuseppe Nicosia questo differimento è un «ulteriore round a favore del Comune di Vittoria». Il Tar ha mantenuto le esigenze cautelari fino al 5 giugno, data fissata per un’altra udienza cautelare. Ha dichiarato il sindaco Giuseppe Nicosia: «Il termine è stato concesso perché né l’Assessorato regionale Territorio e Ambiente né la Panther Eureka hanno messo a disposizione, fino a ieri, la documentazione idonea per valutare l’iter della pratica. Sono fiero di rappresentare un’amministrazione che combatte per i diritti dei cittadini».

Sulla vicenda è intervenuto anche il deputato regionale Riccardo Minardo che ha fatto incontrare i tecnici della Panther con il sindaco Nicosia a palazzo Iacono. E’ stata prospettata una forma di transazione che non ha entusiasmato Nicosia. Dice Minardo che «la Panther, al fine di potere riprendere subito i lavori, sarebbe disposta a realizzare altri due pozzi completi d’impianto di sollevamento da canalizzare per immettere acqua nella conduttura esistente che rifornisce il comune di Vittoria. Vittoria passerebbe da 2 trivelle a 4.

Nel frattempo registriamo la forte e coraggiosa presa di posizione della Confindustria di Ragusa. L’ing. Enzo Taverniti, presidente di Confindustria iblea, s’auspica che presto riprendano le perforazioni della Panther. «Contro la Panther- dichiara il presidente Taverniti- sono in atto campagne denigratorie e ostruzionistiche». A supporto di queste dichiarazioni forti, ecco le di motivazioni già espresse nei contesti istituzionali a livello locale, regionale e nazionale, e riproposte con documento congiunto, a firma dei sindaci di Ragusa, Chiaramonte Gulfi, Giarratana e Monterosso, delle Organizzazioni sindacali CGIL-CISL-UIL e della stessa Confindustria ragusana, in data 10/09/2007.

Il presidente Taverniti dichiara: «L’attività di estrazione degli idrocarburi liquidi e gassosi è parte integrante e vitale del programma di sviluppo di questo territorio, e può coesistere con le altre attività economiche e produttive che lo caratterizzano quali l’industria manifatturiera, l’agricoltura e il turismo;

Confindustria Ragusa non condivide affatto le campagne denigratorie e le azioni ostruzionistiche poste in atto contro la Panther Eureka, e precisa che l’eventuale rinvenimento e messa in produzione di giacimenti di gas metano, con il debito rispetto delle norme sulla tutela dell’ambiente, rappresenta fattore importante di ulteriore sviluppo della nostra economia;

Tenuto conto delle ampie garanzie tecniche fornite dalla Panther nella Valutazione di Impatto Ambientale già rilasciata dagli organismi tecnici della Regione, Confindustria Ragusa ribadisce la sua positiva valutazione e la volontà di cogliere l’opportunità di questi investimenti;

Nell’auspicare che questa iniziativa di ricerca per la valorizzazione delle risorse di gas nel sottosuolo ragusano continui e vada a buon fine, Confindustria Ragusa si augura che non debbano prodursi ulteriori ritardi, in modo che i lavori di perforazione possano presto aver inizio, con beneficio per l’economia e l’occupazione del territori». Un sollecito a riprendere i lavori di perforazioni gelato dal rinvio del Tar sopravvenuto oggi.

(Nella foto in alto un momento della manifestazione a Sciannacaporale)