Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 575
VITTORIA - 12/10/2013
Attualità - Dopo gli annunci trionfali pare che tutto si sia fermato

Zona franca e… ferma. Cna sollecita pubblicazione bando

Santocono e Stracquadanio invitano a non abbassare la guardia

Zona franca e tempi morti. Non vanno d’accordo. Sono in antitesi. La prima è un’occasione di sviluppo del territorio che ha avuto la «fortuna» di essere riconosciuta tale; i «tempi morti» rappresentano il freno allo sviluppo, la fascia dell’ignavia pubblica che rende lunga l’attesa prima di concretizzare un progetto o un’opera di interesse collettivo: vedi le strade, i porti, gli aeroporti, ogni cosa che negli stati civili e pragmatici d’Europa realizzano in tempi ragionevolmente e brevi, ma in Italia anche dopo 20 anni. Ad agitare la palude dell’attesa, ancora una volta, ci pensa la Cna, per i quali iscritti a questa confederazione sindacale, una «zona franca» che partisse subito sarebbe ossigeno puro per il lavoro in crisi.

«La zona franca urbana è una grande opportunità per il nostro territorio- parlano Giorgio Stracquadanio e Giuseppe Santocono, da poco riconfermati alla guida del sindacato- Il silenzio che avvolge questa agevolazione rischia, però, di deprimere e di far perdere entusiasmo alle imprese che vogliono, malgrado la crisi, rilanciarsi grazie alle agevolazioni fiscali e contributive previste dagli aiuti».

Da cosa deriva questo pessimismo? Giovedì sera si è tenuta una prima riunione nella sede della Cna a cui hanno partecipato diversi titolari di imprese artigiane e no insediate all´interno dell´area (in particolare nelle zone artigianali). E´ stato comunicato che l´ufficio Sviluppo economico del Comune di Vittoria si è già attivato pubblicando nel sito dell’ente locale le planimetrie che delimitano l´area interessata dalla agevolazioni, il decreto e la circolare del ministero dello Sviluppo economico che fornisce i primi chiarimenti.

«La preoccupazione che però è stata manifestata da più imprese – afferma il presidente della Cna di Vittoria, Giuseppe Santocono, con il responsabile organizzativo, Giorgio Stracquadanio – è come i tempi si stiano allungando notevolmente per quanto riguarda la pubblicazione del bando che permette di potere partecipare e accedere alle agevolazioni. Per questo si è sentita la necessità di costituire un gruppo che avrà il compito di coinvolgere l´amministrazione e sollecitare i parlamentari regionali e nazionali affinché l´assessorato regionale e il ministero di competenza si possano attivare in tempi ragionevolmente brevi per pubblicare l´avviso».

E´ stato fatto anche notare che Zfu non significa solo aiuti fiscali e contributivi ma anche riqualificazione di alcune aree. «Tra queste – aggiungono Santocono e Stracquadanio – la zona artigianale di Vittoria che attualmente versa in uno stato che definire pietoso è poco, così come la strada che collega la stessa zona con un altro insediamento produttivo e il mercato ortofrutticolo, strada che, con la stagione delle piogge, in diversi parti si allaga (da ricordare il pantano di via dell´Euro). Su questo punto si è stabilito di incontrare urgentemente l´assessore comunale alle Manutenzioni per trovare soluzioni che possano dare dignità a chi opera in quella zona».


particolarità
19/10/2013 | 12.48.51
anonimo

Per non parlare del fatto che ne usufruirà solo una piccolissima parte delle attività di Vittoria, e questa è una ingiustizia, siamo tutti sulla stessa barca, ed avere l´attività in una via anziché in un´altra non può e non deve essere penalizzante.
Ovviamente questo commento non verrà approvato.