Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 624
VITTORIA - 24/08/2013
Attualità - Nella frazione marinara dove tutto è gratuito, nessuno è contento

Scoglitti tra multe e tolleranza in zone blu

La stagione estiva è finita ma i problemi si rimandano al 2014. Un paio di consigli all’amministrazione per migliorare la vivibilità della frazione
Foto CorrierediRagusa.it

Nel «Decreto del Fare» pubblicato il 20 agosto sulla Gazzetta Ufficiale c’è una norma che consiglia i cittadini a pagare entro 5 giorni le contravvenzioni. Si beneficia di una riduzione del 30 per cento. Perché viene da enfatizzare questa norma? Perché quest’anno a Scoglitti gli automobilisti sono stati, giustamente, falcidiati da multe per infrazioni al codice della strada. La più ricorrente, sosta selvaggia: in zone rimozione, sopra i marciapiedi, in prossimità di crocevia stretti, in spazi aperti che impediscono ad altre vetture di uscire. La norma introdotta stimola una riflessione che non vuole essere polemica nei confronti dell’amministrazione, semmai pungolo verso chi di competenza perché si possa realizzare un progetto che soddisferebbe, prima che cittadini e automobilisti, il cassiere del Comune di Vittoria, unico ente locale in questo momento a non servirsi di spazi delimitati da zone blu a pagamento. Diciamo questo perché gli automobilisti, colti dalla frenesia di trovare un parcheggio a tutti i costi sotto il sole cocente, per raggiungere l’arenile preso di mira, lascia la macchina dove c’è spazio, incurante di bloccare il traffico o di intralciare un marciapiede, come si vede nella foto. Nella zona dietro l’hotel Mida c’è un’area che sembra essere stata sconsacrata da ogni autorità religiosa e ripudiata da tutte le amministrazioni che si sono succedute negli ultimi 17 anni. Un’area ibrida: metà asfaltata e metà sterrata (andateci nei giorni quando soffia il vento di ponente), ricettacolo di immondizia e roditori in inverno, campo di battaglia per gli automobilisti in estate: più volte abbiamo assistito ad alzate di ombrelloni pronti a colpire perché alcune vetture sono rimaste incastrate dalle altre macchine parcheggiate in maniera scriteriata.

Francesco Aiello non mosse un dito durante il suo decennio perché in quella zona vi abitavano parecchi commissionari ortofrutticoli con i quali era in continua guerra; Giuseppe Nicosia, giunto al suo settimo anno di sindacatura, ha pure disatteso le aspettative di tanti motivando il mancato intervento col fatto che l’esproprio del terreno privato costa troppo! Il risultato è che quell’area è la vergogna di Scoglitti in una zona che tutti definiscono elegante e residenziale. Tecnici, consiglieri e assessori vi passano e fanno finta di non vedere!

Secondo quattro calcoli matematici, considerate le centinaia di migliaia di macchine che lì sostano nei due mesi di luglio e agosto, quella zona, nel cui piano regolatore è prevista una piazzetta e parcheggi, potrebbe diventare una miniera d’oro per la ragioneria comunale. Servono scelte coraggiose: se non si vuole modificare il Prg e dare la possibilità ai proprietari di urbanizzarla, la si espropri, la si asfalti, la si renda area parcheggio «zone blu», da via Principe di Piemonte fino all’altezza dell’hotel Mida, passando da via Bassanesi a via delle Raie; si installino delle centraline automatiche per l’acquisto dei ticket a pagamento come avviene in tutte le altre città civilizzate del mondo, si responsabilizzino una ventina di volontari del traffico e il problema è risolto. Per sempre.

In pochi anni il Comune ammortizzerebbe la spesa sostenuta per l’esproprio e si ritroverebbe con un tesoretto estivo di notevole consistenza. S’io fossi l’assessore all’Urbanistica Filippo Cavallo oppure il comandante della Polizia municipale Cosimo Costa, al sindaco farei questo ragionamento fino a farlo esaurire e a convincerlo della bontà del progetto! Per contro, ci spieghi il sindaco Nicosia perché tale proposta non è attuabile e quali sono gli impedimenti: se di natura normativo-burocratica oppure per l’infingardaggine di qualcuno. Difendersi dalle mareggiate che abbattono il lungomare è impossibile, ma progettare il fattibile è buona amministrazione.

Invece no, meglio sguinzagliare i pochi vigili urbani di cui il Comando dispone a scrivere multe a destra e a manca. Tanto ora il «Decreto del Fare» ci dà lo zuccherino dello sconto se le multe si pagano entro 5 giorni. E infatti, il Comando di Polizia municipale di Vittoria, sensibile alla tematica trattata, sommerso dalla valanga di multe che gli stessi vigili hanno, giustamente, elevato, ha messo a disposizione un ufficio informazioni curato dal tenente Pina Rozza, responsabile della Sezione verbali. Pagare entro 5 giorni, piuttosto che avviare un contenzioso penale, conviene.

A mo’ di esempio, si può dire che per un divieto di sosta l’importo della sanzione è di 41euro; se il pagamento avviene entro cinque giorni, la somma si riduce a 28,70 euro. Per una sosta sul marciapiede, la sanzione è di 84 euro; con pagamento anticipato scende a 58. Per il superamento di oltre 10 Km/h e di non oltre 40 Km/h del limite massimo di velocità la sanzione è di 168; con pagamento veloce viene ridotta a 117. Per l’omesso uso del casco protettivo su motociclo o ciclomotore l’importo della sanzione è di 80 euro; se il pagamento avviene entro cinque giorni, la somma passa a 56 euro. Non diciamo che conviene violare il codice della strada, ma c’è una bella convenienza a pagare entro 5 giorni le multe racimolate per distrazione o negligenza.

Il comandante della Polizia municipale Cosimo Costa puntualizza: «Va precisato inoltre che la riduzione non si applica alle spese di procedimento e di notifica. In caso di pagamento in misura ridotta del trenta per cento dovranno essere conteggiati anche i decimali, perché in caso di errore il pagamento verrebbe considerato incompleto, con conseguente iscrizione a ruolo e relativa emissione della cartella esattoriale. Seppur la legge non preveda l’ipotesi del preavviso di accertamento di violazione (la classica multa per divieto di sosta lasciata sotto il tergicristallo dagli operatori di Polizia municipale), secondo una interpretazione prevalente si ritiene che il pagamento decurtato del trenta per cento sia ammesso anche in questi casi, dal momento che ciò consentirà di risparmiare le spese di notificazione».

Cliccate sulle foto sotto per ingrandire


BOh...
29/08/2013 | 22.33.39
Alex

Perché in un parcheggio abusivo le auto sono disposte casualmente e capita ogni domenica che le persone restano intrappolate senza poter uscire...
Sono terreni di privati e la municipale non può intervenire...
Siamo a soli 300 metri da casa sua...
BOH è ancora perplessa?


Mah ...
29/08/2013 | 22.27.08
Alex

Signora Viviana si vede che non conosce Scoglitti...
Eppure ci sono anche delle foto allegate all´articolo. Posso confermare la tesi del giornalista autore dell´articolo. È veramente una vergogna e confermo che da 27 anni ci sono sempre gli stessi problemi. Quante volte fanno lì il mercatino e lasciano l´immondizia, quante volte i «turisti» che vengono a farsi il bagno lasciano sacchetti di immondizia, bottiglie vuote per lavarsi i piedi, fazzoletti, etc etc. Gestire 3 appezzamenti non asfaltati per gli operatori ecologici (vengono circa 2 volte in un mese) è una cosa impossibile... è terra se così si può chiamare! Impossibile garantire la sicurezza igienica... Le ragazze e le signore che vengono a fare il bagno lasciano anche gli assorbenti… vuole che le posto una foto? Siccome è «terriccio» o meglio «pruvulazzu» pieno di rifiuti vari che si vanno via via accumulando pensano che è normale… l´inciviltà regna ovviamente però se solo fosse asfaltato prima di gettare qualcosa a terra si riflette e gli operatori possono pulire con maggior facilità.
Molto probabilmente Lei per andare al centro passa dal lungomare e abita proprio accanto all´hotel mida... Perché non prova a farsi una passeggiata in Via Costantino Orazio angolo via Bassanesi? Magari nei giorni di maestrale...
Oppure quando gruppi di ragazzi spostano le macchine forzano le capote nelle cabrio coupé per assicurarsi una via di uscita... o spostandole a mano e lasciandole in mezzo alla strada...


boh
27/08/2013 | 11.34.26
viviana

Abito vicino l´hotel Mida da 25 anni.....ma questo articolo mi lascia perplessa. Ma di quale zona stiamo parlando??? Non mi risulta esserci nessuna area "ricettacolo di immondizia e roditori in inverno, campo di battaglia per gli automobilisti in estate"....sono curiosa di sapere il sig. La LOta a quale area si riferisce!!!!!!


MANCATA TTENZIONE LA CENTRO
26/08/2013 | 13.18.11
ARCANGELO

SIG.LALOTA COME MAI NON SIINTERESSA DEI TERRENI INVIA MESSINA ANGOLO VIA SIRACUSA IN STATO DI ABBANDONO E VINCOLATI A PARCHEGGIO DA 30 ANNI SENZA CHE NESSUNA AMMINISTRAZIONE ABBIA MAI AVUTO LA SENSIBILITA´ DI ESPROPRIARLI E REALIZZARE L´OPERA PUBBLICA ?