Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 687
VITTORIA - 10/04/2013
Attualità - Vertice al mercato ortofrutticolo di Vittoria fra Commissionari e Istituzioni

Fuori i "tappisti" dal mercato di Vittoria

Intenso e proficuo dibattito fra il presidente Giombarresi, il colonnello Fallica, il comandante Costa, il presidente della Vittoria mercati Garrasi, il consigliere Puccia. Allo studio sanzioni per chi viola le regole sulla transazione, concessioni e doppia attività
Foto CorrierediRagusa.it

Voglia di legalità al mercato ortofrutticolo di Vittoria. Quel blitz della Guardia di finanza rappresentò l’inizio di una nuova era; la riunione che c’è stata mercoledì mattina nella sede dei Commissionari ortofrutticoli consolida i buoni propositi degli operatori del mercato nel cammino verso la legalità.

Filippo Giombarresi (nella foto con il tenente Domenico Ruocco al mercato), presidente dell’Associazione commissionari, può ritenersi soddisfatto. Magari una minoranza della categoria lo guarda di sottecchi perché non gradisce il suo attivismo, ma l’azione trasparenza intrapresa è ben recepita dalla maggioranza degli iscritti all’associazione. Il vertice di lavoro di mercoledì ha sortito effetti molto positivi. Mai raggiunti negli ultimi 20 anni.

Al tavolo del Direttivo dei concessionari, c’erano il colonnello Francesco Fallica e il tenente Domenico Ruocco della Guardia di finanza, il comandante della Polizia municipale Cosimo Costa, il presidente della Vittoria mercati srl Emanuele Garrasi, il componente il Cda Giuseppe Sulsenti, il consigliere comunale Gino Puccia e per la direzione del Mercato Walter Cavanna. «L’incontro – ha detto Filippo Giombarresi- è stato utile ed ha trattato alcune problematiche che riguardano le attività degli operatori del Mercato e alcune problematiche della struttura mercantile di Vittoria nella sua globalità complessa, per meglio affrontarle di concerto con le autorità preposte verso la via della legalità».

Si è parlato di articolo 62 del regolamento, ovvero dei pagamenti effettuati in ritardo dagli acquirenti, che mettono in difficoltà i commissionari e i produttori. «Per chi paga in ritardo- ha specificato il colonnello Francesco Fallica- sono previste sanzioni, soprattutto quando a non rispettare i tempi è la grande distribuzione».

Grande attenzione è stata dunque data al fenomeno delle insolvenze degli acquirenti, in aumento, e ai tentavi di truffe ormai giornaliere. Sul tavolo anche la proposta del nuovo «Regolamento» per il mercato di Vittoria, l’attività svolta dell’Associazione Concessionari fino a marzo 2013; la situazione di «stallo» per il rinnovo delle concessioni. «Un incontro proficuo- ha sintetizzato il colonnello Fallica- si percepisce la voglia di legalità al mercato. Interessante il dibattito sull’art. 23, cioè le sanzioni sulla doppia attività e la vendita fra box. Sono previste sanzioni, inizialmente simboliche, come una sorta di sanatoria, ma dopo chi continua nella violazione paga e rischia di andare fuori dal mercato».

Nel contesto del dibattito, sono finiti anche i mediatori, pochissimi in regola, moltissimi faccendieri che entrano ed escono senza alcun controllo. Devono mettersi in regola, dotarsi di partita iva o essere dipendenti di qualcuno.