Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:06 - Lettori online 1109
VITTORIA - 28/02/2013
Attualità - Si realizza un progetto partito diversi anni fa

Ok dalla Regione, Vittoria avrà l’istituto alberghiero

Centinaia di giovani del versante ipparino finiranno di fare i pendolari

Con l’istituzione di un Istituto Alberghiero, Vittoria sarà ancora di più una città a vocazione turistica. Il Dipartimento Pubblica Istruzione della Regione Sicilia ha istituito l’Istituto Alberghiero a Vittoria. La richiesta parte da lontano, e solo ora la Regione ha autorizzato il Comune alla realizzazione dell’ambizioso progetto.
«Abbiamo ottenuto riscontro – ha dichiarato il sindaco, Giuseppe Nicosia – ad una richiesta avanzata diversi anni fa e reiterata sin dal mio insediamento, nel 2006, a Palazzo Iacono. Per anni il Comune e il dirigente dell’Istituto Professionale Marconi hanno lavorato in sinergia per ottenere questo importante risultato».

La notizia rende felici le tante famiglie degli studenti vittoriesi che tutti i giorni si recano a Modica per frequentare l’Alberghiero. «L’istituzione dell’Alberghiero porterà molti vantaggi alla nostra città-dice ancora Nicosia- Basti pensare che gli oltre cento alunni che attualmente frequentano l’Alberghiero di Modica non saranno più costretti a spostarsi, e questo si tradurrà in un notevole risparmio di costi per le famiglie. Peraltro, Vittoria potrà diventare meta di studenti provenienti dai centri vicini, come Acate, Comiso e Santa Croce. Per non parlare delle prospettive turistiche che si apriranno con l’avvio del nuovo corso di studi: con l’apertura dell’aeroporto di Comiso, Vittoria avrà un’ulteriore carta da giocare, e potrà offrire personale qualificato alle imprese che operano nel settore ricettivo. Confidiamo che si attivino subito le procedure per le iscrizioni e che si dia la massima diffusione alla notizia nelle scuole medie del comprensorio».

Accanto alla buona notizia, una meno buona sempre in ambito scolastico: la perdita dell’autonomia del Liceo Scientifico e Calssico. A partire dal prossimo anno scolastico, secondo il piano di dimensionamento scolastico regionale, ci sarà l’accorpamento con il Liceo Mazzini. «Chiedo alla Provincia-conclude il sindaco- di attivarsi per salvaguardare l’autonomia di una istituzione scolastica preziosa per la città. Anche il Comune, per quanto non abbia competenza in materia di istituti secondari, farà il possibile per difendere il Liceo Scientifico e Classico, istituzione storica e prestigiosa che ha formato generazioni di professionisti di altissimo livello e che non può perdere la propria identità. Per questo abbiamo già iniziato a interloquire con la Regione, alla quale stiamo fornendo un quadro dettagliato della situazione delle scuole cittadine, affinché ogni decisione venga adottata non sulla base dei freddi numeri, ma tenendo conto delle peculiarità dei singoli territori».