Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 819
VITTORIA - 25/12/2012
Attualità - Mamaduo e Moussa ospiti della Comunità di don Beniamino Sacco

La beneficenza natalizia dei "Crucifissari"

Il presidente della Confraternita Vittorio Campo: «La solidarietà rientra tra gli scopi originari del nostro sodalizio»
Foto CorrierediRagusa.it

Natale di pace, di accoglienza e di beneficenza a Vittoria. Mamaduo e Moussa (nella foto con Vittorio Campo, don Mario Cascone e don Vittorio Pirillo), sono i nomi dei due ragazzi della Repubblica di Mali, attualmente ospiti della comunità di padre Beniamino Sacco e per un sera protagonisti della consueta Agape natalizia dei dei crucifissari. A loro è andata, infatti, la beneficenza dei confrati per il 2012.

Vittorio Campo, presidente della nobile confraternita vittoriese, spiega i motivi che spingono verso il bene e l’impegno sociale. «Obiettivo questo- dice Campo- che rientra tra gli scopi originari del nostro sodalizio, che appartiene a tutti coloro che, cristianamente parlando, seguono il messaggio dell’amore universale».

E per una sera, tutti i confrati, con le relative consorti e ospiti, alla presenza del vicario foraneo don Mario Cascone e dell’arciprete parroco don Vittorio Pirillo, hanno magnificato «l’Unione con Dio» e fra i fratelli.

Tutti uniti, nel segno di una nuova rinascita per coltivare un cammino di fede che non può essere disgregazione ma solo unione verso l’Assoluto, verso quel Dio Cristiano, da cui tutto ha origine e in cui tutto finisce.

Un plauso, all’amministrazione composta da Vittorio Campo, Emanuale Ingrao, Emanuele Martinez, Giacomo Biazzo, Marcello Giudice e Luigi Sapuppo. Un merito va attribuito anche al delegato per la beneficenza Natalizia Rosario Burgio, che ogni anno studia percorsi di assistenza e sostentamento economico a nome di tutti i confratelli della Congregazione e al fine di beneficiare le famiglie più indigenti dell’intera città ipparina.