Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 13:05 - Lettori online 837
VITTORIA - 22/03/2008
Attualità - Vittoria - Riesplode la guerra per l’acqua a Vittoria

Nicosia: «Vogliono assetare la mia città, stop alle trivellazioni»

La Panther Oil dovrebbe cominciare le trivellazioni a Sciannacaporale Foto Corrierediragusa.it

Sono già pronte le barricate contro le annunciate trivellazioni della Panther Oil nei pressi del pozzo di contrada Sciannacaporale, il pozzo che disseta Vittoria. «Senza petrolio si può vivere, senz’acqua no!». E’ questo lo slogan con cui il sindaco Giuseppe Nicosia inizia la battaglia contro le trivellazioni. La città sta organizzando un sit in di protesta e chiama a raccolta altri enti e istituzioni. Le trivellazioni nella Val di Noto sono state criticate a suo tempo anche dallo scrittore Andrea Camilleri. Si teme, ora, lo sfaldamento e l’abbassamento della falda acquifera. «Con le trivellazioni a Sciannacaporale ci vogliono assetare!- scrive il sindaco Giuseppe Nicosia- Stiamo raccogliendo i primi consensi alla nostra presa di posizione contro le trivellazioni della Panther Oil, quali quelli del circolo Legambiente di Vittoria. E’ una questione rilevante che non può e non deve essere sottovalutata. La stessa Arpa regionale ha manifestato forti perplessità e ha chiesto che siano intensificati i controlli per verificare ipotesi di sfaldamento o di abbassamento della falda acquifera in caso di trivellazioni».

Il sindaco vuole coinvolgere anche altri enti locali. «La prossima settimana avvieremo un sit- in di protesta e un presidio sui luoghi oggetto di trivellazione, per impedire che venga compiuto questo scempio ambientale. Inviterò a stare al mio fianco, in questa battaglia, il Consiglio comunale, i sindaci di Modica, Noto e Scicli, che già in precedenza avevano sottoposto all’attenzione della pubblica opinione i problemi connessi alle trivellazioni nella valle di Noto, le associazioni ambientaliste, tutti i cittadini. Invito anche il presidente della provincia Franco Antoci a fare la sua parte proprio perché, come presidente dell’Ato idrico, conosce bene le sofferenze di questo territorio».

Anche il prefetto Monteleone sarà informato della vicenda. «Al Prefetto- scrive Nicosia- chiederò di riunire tutti i soggetti competenti: dall’Arpa regionale e provinciale all’Ausl, fino alla Protezione civile nazionale e regionale, perché l’eventuale depauperamento della risorsa idrica di quel pozzo creerebbe seri problemi di salute e di sicurezza per la popolazione. Non mi fermerò fino a quando non saranno revocate le concessioni alla Panther Oil». Il momento elettorale non gioca a favore delle istanze del sindaco, che si rivolge a tutti i candidati alla Regione. «Li invito ad attivarsi da subito per impedire le trivellazioni. E’ del tutto incomprensibile come da una parte si facciano battaglie contro i petrolchimici di Gela e di Priolo».