Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 574
VITTORIA - 21/03/2008
Attualità - Vittoria - La giunta ha deliberato lo schema del progetto eolico

Vittoria eolica, primo passo verso l´energia alternativa

La ditta "Vittoria eolica" dovrebbe installare una ventina di pali in contrada Monte Calvo Foto Corrierediragusa.it

La giunta amministrativa di Vittoria ha deliberato lo schema di convenzione per la realizzazione di un progetto eolico. Se supererà positivamente anche l’esame della Consulta per l’ambiente e del Consiglio comunale, nel giro di qualche anno la città potrebbe avere i primi benefici derivanti dall’energia alternativa: minieolico, biogas e fotovoltaico.

Il progetto dovrebbe essere realizzato in contrada Monte Calvo, nei pressi della pista di atletica leggera, in un posto dove non provocherebbe traumi ambientali e visivi come quelli che si crearono a Ragusa. I pali installati dovrebbero essere una ventina. «Un progetto a costo zero per il Comune- spiega il sindaco Giuseppe Nicosia- affidato all’azienda «Vittoria eolica», che dovrebbe essere una sottoditta dell’azienda «Grenco» di origine milanese>. Il progetto risale a 3 anni fa, quando la "Grenco" presentò richiesta alla regione siciliana per realizzare un impianto eolico.

Si offre un parco tecnologico per produrre energia alternativa e un museo tecnologico. Giuseppe Nicosia manifesta soddisfazione per la delibera approvata dalla sua giunta. Al più presto sapremo tutti i dettagli e i particolari dell’operazione che dovrebbe portare, a detta del sindaco, benefici economici, oltre che energetici non indifferenti.

«Se tutto andrà bene ?dice Nicosia- l’azienda che realizzerà l’opera affitterà i terreni nei pressi di Monte Calvo, realizzerà gli impianti eolici e venderà energia pulita all’Enel e alle altre ditte concorrenti. Il comune riceverà, in cambio una cifra una tantum dai 150-200 mila euro per il danno ambientale e l’1,5% del fatturato annuale che non dovrebbe essere meno di 120-150 mila euro l’anno».