Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 891
VITTORIA - 26/09/2007
Attualità - Vittoria - E’ la prima volta in città che un sindaco del centro sinistra chiede pubblicamente il sostegno di un deputato di destra

Ricostruire i box a Fanello: Nicosia e Incardona collaborano

Tempi brevi per la ricostruzione dopo il rogo del mercato ortofrutticolo. Chiesto anche l’aiuto della Regione Foto Corrierediragusa.it

Sinergia a 360° per ricostruire i box distrutti dal rogo estivo al mercato
ortofrutticolo di Fanello. Il sindaco Giuseppe Nicosia ha studiato con il suo esperto ai mercati Claudio Sassi le strategie per reperire i fondi da destinare alla ricostruzione dei box. E chiederà collaborazione anche del Mpa, movimento che fa parte della giunta di governo a Vittoria, e al deputato regionale di An Carmelo Incardona. Non s’era mai verificato a Vittoria che un sindaco eletto da una coalizione di centrosinistra chiedesse collaborazione istituzionale pubblicamente a un deputato della destra.

"Chiederò io stesso al governo regionale - precisa il sindaco- di provvedere alla ricostruzione del Mercato e, incaricherò i rappresentanti del Mpa di attivarsi a Palermo. Inoltre, chiederò al parlamentare vittoriese, Carmelo Incardona, di avviare con me un’azione congiunta a difesa degli interessi della città. L’obiettivo è il ripristino, in tempi brevi, delle condizioni di regolarità delle operazioni di mercato. Sarò lieto di collaborare con il deputato di Vittoria su una questione fondamentale per l’intera comunità".

Sul fronte indagini di polizia, tese ad accertare l’origine del rogo che ha provocati danni per circa un milione di euro, non c’è ancora certezza se si tratti di dolo o di accidentalità. Nei giorni scorsi gli investigatori di Fanello e operatori dei Vigili del fuoco hanno prelevato un campione
di materiale combusto, che è stato inviato alla Scientifica di Palermo per un esame più accurato. Da questo esito la Polizia dovrebbe essere in grado di dichiarare ufficialmente le cause del sinistro. "Prima di pronunciarci definitivamente ? ha detto il dirigente Gaetano Cravana- aspettiamo quest’ultimo risultato". Doloso o accidentale, c’è fretta di ricostruire la parte danneggiata del mercato che tanto danno sta arrecando ai titolari dei box.

Nel corso della riunione a palazzo Iacono sono state tracciate le linee guida per la demolizione dei dieci box distrutti dall’incendio del 21 luglio scorso, e si è discusso degli aspetti tecnici relativi alla fase della ricostruzione. "Il bando per la demolizione è già pronto ? ha dichiarato il sindaco ? e sono stati assegnati tre giorni di tempo per la presentazione delle offerte. La demolizione e il successivo smaltimento dei residui del rogo dovranno essere accompagnati dalle necessarie cautele, atte a salvaguardare i due box confinanti e strutturalmente connessi con quelli distrutti, mediante la realizzazione di muri di contenimento.Quanto alla fase della ricostruzione, si è convenuto sull’opportunità di preferire strutture in legno lamellare, che consentono una realizzazione in tempi relativamente brevi e una totale assenza di manutenzione in futuro".

Riguardo ai costi e al finanziamento, Nicosia ha dato mandato all’unità intersettoriale di verificare la possibilità di procedere ad un leasing, anziché all’acquisto delle strutture. Sarà chiesta anche la collaborazione alla Regione, alla quale sarà inviato il progetto. Per il tramite degli alleati del Mpa e del deputato regionale vittoriere Carmelo Incardona, a dimostrazione che per i progetti importanti che riguardano la città non c’è colore politico che possa dividere.