Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 884
VITTORIA - 06/06/2012
Attualità - Nel quadro dei tagli e dei risparmi sanitari, un altro colpo all’ospedale

"Guzzardi", smantellata "in silenzio" la guardia interna h24 di Medicina

I medici vanno in pensione e non vengono sostituiti. Di notte niente guardia in Medicina, arriva il medico reperibile da casa entro mezz’ora
Foto CorrierediRagusa.it

L’ospedale di "Guzzardi" di Vittoria (nella foto la nuova ala) perde altri pezzi. Dal primo giugno non esiste più la guardia interna h24 del reparto Medicina. Man mano che i medici se ne vanno in pensione non vengono sostituiti e il risparmio economico è assicurato. La notizia viene fuori per caso, da parte di alcuni parenti dei ricoverati. Nel momento in cui di notte serve un medico della guardia interna, si deve aspettare mezz’ora perché arrivi da casa il medico in reperibilità.

Quando si appende un quadro in un reparto si fanno squilli di tromba e comunicati stampa, ma se si smantella un servizio c’è la consegna del silenzio. I parenti dei pazienti, però, riferiscono amareggiati, e i medici sono costretti a confermare a denti stretti. La guardia interna in Medicina era stata istituita il 15 maggio del 2000, 12 anni dopo viene soppressa. Il reparto si adegua alla pianta organica regionale e stringe la cinghia nel rispetto della logica dei numeri. Risparmi e tagli, purtroppo, che alla lunga non sortiscono alcun effetto, se non quello di creare disservizi negli ospedali e di rendere un inferno la degenza del paziente dentro della struttura. Attualmente la guardia interna h24 resiste al Pronto soccorso, in Cardiologia e in Rianimazione. La Medicina dopo 12 anni può farne a meno.

Dopo il pensionamento dei medici Filippo Foresti ed Elio Frasca, il numero dei sanitari in Medicina si è ridotto da 8 a 6. E sarà ancora assottigliato a 5 dal 21 luglio prossimo, data di addio del dott. Pasquale Soro, che andrà via definitivamente per godere le ferie maturate e non godute e dopo per la quiescenza. In Medicina, a gestire i 22 posti letto, rimarranno, l’attuale primario Salvatore Caputo, Giuseppe Nicosia, Salvatore Marangio, Rosario Giurato, che è anche oncologo, Saverio Scadurto e Angelo Castiglione e una quindicina di infermieri, sempre sotto organico. Diminuisce l’organico, non certamente il lavoro, gli ammalati e i ricoveri. Tra domenica e lunedì scorsi la Medicina di Vittoria ha contato ben 8 ricoveri.