Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:57 - Lettori online 765
VITTORIA - 04/06/2012
Attualità - Durante l’ultima seduta il consigliere Giovanni Moscato ha tirato fuori l’argomento

Per Nicosia 3 avvisi di garanzia e un rinvio a giudizio

Il primo cittadino: «In 6 anni ho ricevuto anche centinaia di denunce. Nulla di grave»
Foto CorrierediRagusa.it

«Un avviso di garanzia? Moscato si sbaglia, me ne sono arrivati 3, oltre a centinaia di denunce, in questi 6 anni di sindacatura. Tutti su denunce dell’opposizione politica. E poiché non sono fatti che riguardano gravi reati come associazione per delinquere o corruzione, vado avanti nella mia azione amministrativa. Viceversa mi sarei già dimesso».

La miglior difesa, per il sindaco Giuseppe Nicosia è l’attacco. Un attacco stimolato dalle dichiarazioni di Giovanni Moscato durante l’ultima seduta del consiglio comunale, nel momento in cui Moscato ha tirato fuori l’avviso di garanzia ricevuto dal sindaco, l’ultimo. Il reato contestato al sindaco è abuso d’ufficio per alcuni atti ritenuti illegittimi.

Anzi, per precisare si tratta di un rinvio a giudizio, relativo al caso dell’ex comandante dei Vigili urbani Giuseppe Piccione, l’incarico a scavalco al comune di Pozzallo, ex sindaco Mpa Giuseppe Sulsenti, e di 3 avvisi di garanzia. Gli avvisi riguardano l’erogazione di alcuni contributi ad associazioni sportive e no, fra questi un «avviso» riguarda anche l’ex assessore Anna Mezzasalma; infine la famosa delibera della stabilizzazione di 4 staffisti e collaboratori del sindaco durante la sindacatura 2005-2011.

«Un accanimento mirato- dichiara Giuseppe Nicosia. Vicende che mi lasciano del tutto tranquillo e sereno, per la grande fiducia che nutro verso la magistratura. Delle centinaia che gli amici dell’opposizione hanno presentato, la magistratura ne ha cestinate moltissime. Abbiamo stabilizzato in tutti questi anni centinaia di precari e staffisti, al Comune e all’Emaia, per miei 4 collaboratori dello staff, l’opposizione ha usato dei riguardi particolari. Ripeto, sono fiducioso e aspetto con grande serenità l’evolversi della situazione, compreso il giudizio sul caso Piccione, per il quale ci saranno le prossime udienze».

Quanto detto è emerso nel corso dell’ultima seduta consiliare, all’insegna del fair play. Il Consiglio a nome del presidente Di Falco ha rivolto gli auguri di buon lavoro al neo assessore regionale all’Agricoltura Francesco Aiello. Lo stesso sindaco si è mantenuto di alto profilo istituzionale nel formulare gli auguri ad Aiello «in quanto, aldilà della non condivisione politica, occorre quel rispetto istituzionale che io intendo mantenere". Un po’ sofferente è apparso il tono del sindaco quando ha toccato la vicenda Sel e manifestato la sua "non condivisione per mancanza dei presupposti politici» e la sua volontà di «una ulteriore verifica politica sulle condizioni che hanno determinato tale scelta».

Nella foto il sindaco di Vittoria Giuseppe Nicosia e il suo staff