Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 12:04 - Lettori online 725
VITTORIA - 28/05/2012
Attualità - A Poggio del Sole Resort 150 tra medici, psicologi e ricercatori si confrontano

Tutto sul cervello in una cinque giorni internazionale

Su iniziativa del professor Francesco Iemolo, direttore della Struttura complessa provinciale di Neurologia e docente all’Università di Catania, si tiene il 2° anno della International School of Clinical Neuroanatomy, preceduto dal 2° congresso dell’Associazione siciliana di Neuroscienze
Foto CorrierediRagusa.it

Si tiene a Ragusa il 2° anno della International School of Clinical Neuroanatomy (ISOCN), realizzata in Sicilia grazie ad una collabo-razione con il King’s College di Londra, una delle più prestigiose università del mondo anglosassone, rappresentata dal professore Marco Catani, un italiano che da anni lavora nella celebre istituzione.

«La cooperazione con il King’s College di Londra ha permesso alla Associazione siciliana di Neuroscienze (ASN)- dice il professor Francesco Iemolo (foto)- di avviare a Ragusa un progetto di formazione per più di 150 tra medici, psicologi e ricercatori che, provenienti da più parti del mondo, hanno così la possibilità di completare in Sicilia, il loro itinerario formativo».
L’Associazione Siciliana di Neuroscienze, fondata due anni fa da Luigi Pastore, Pippo Zappalà e Francesco Iemolo, ha rivoluzionato la visione tradizionale dell’approccio alle malattie neuropsichiatri-che che venivano affrontate secondo un’ottica settoriale, in riferi-mento alle diverse specialità: neurologia, psichiatria, neurochi-rurgia, neuroradiologia, etc.

«Nell’approccio allo studio delle Neuroscienze – osserva il prof. Iemolo – è necessario invece, assumere una dimensione olistica caratterizzata da una fattiva e stretta collaborazione tra varie discipline scientifiche, atta a comprendere meglio il funzionamento del cervello, interpretare le sue disfunzioni e proporre soluzioni sia farmacologiche che riabilitative. La Scuola –dice Iemolo - è fautrice pertanto dell’unitarietà del lavoro scientifico, sfatando il concetto che mente e cervello siano entità separate».

Un grande aiuto giunge dalle nuove tecniche di neuroimaging, sempre più sofisticate, che consentono di studiare bene le connessioni delle varie aree cerebrali, permettendo di mettere in luce le disfunzioni che sono alla base di tante malattie psichiatriche e neurologiche. La sinergia tra neurologi, neuroradiologi, neuropsichiatri, neuro-psichiatri infantili, neurofarmacologi, ricercatori del CNR, offrirà così un campo di valutazione delle problematiche neuro-scientifiche, che vede l’utilizzo delle tecniche più innovative.

Il primo atto dell’International School è la convocazione del II° Congresso dell’Associazione siciliana di Neuroscienze, con relatori che provengono da varie regioni italiane e dagli USA, che prevede due workshop incentrati sulla Neurologia cognitiva, sulla Neuropsicologia Clinica e sulla Neuropsichiatria ed aggiornamenti specifici sulle malattie neurodegenerative, sulle malattie neuroimmuni, sulla neuroncologia, sul neuroimaging, sulle malattie cerebrovascolari e sui principali disturbi che si riscontrano nella pratica neurologica.

I lavori scientifici saranno tenuti presso l’Hotel Poggio del Sole Re-sort di Ragusa, ma l’inaugurazione sarà effettuata presso il Teatro comunale di Vittoria. «Ho voluto fare conoscere agli ospiti internazionali che verranno- dice Iemolo- il nostro Teatro, gioiello neoclassico con decorazioni e affreschi del Mazzoni. Idea realizzata grazie anche alla sensibilità del sindaco Giuseppe Nicosia: «La mia - prosegue Iemolo – vuole essere una testimo-nianza ed un ringraziamento alla mia città, ricca di tesori e testi-monianze barocche, liberty e Art Decò, che ha dato i natali a let-terati, poeti, pittori, musicisti, sportivi (ricordo per tutti Neli Mal-tese, Francesco Cafiso, Luca Marin). Un importante contribuito allo sviluppo della città è stato la nascita del nuovo ospedale e dei vari reparti di eccellenza (Cardiologia, Neurologia, Ortopedia, Chirurgia Vascolare e tanti altri ancora) grazie alla lungimiranza di un cittadino vittoriese d’adozione, mi riferisco al dottor Armando Caruso, allora Direttore Amministrativo che, benché attualmente direttore generale al Papardo di Messina, ha sempre il cuore rivolto alla sua Vittoria e alla sua città natale, Scicli.

«Oggi, conclude il prof. Iemolo, proponiamo l’ambizioso progetto di avviare in Sicilia una Scuola Internazionale, che costituirà un faro per la cultura scientifica, legata al campo delle neuroscienze». L’Associazione Siciliana di Neuroscienze cercherà dunque, alla luce di un’ottica fortemente innovativa, rispetto al passato, di creare un terreno di indagine comune per lo studio di tutto ciò che riguarda «Cervello e dintorni», titolo esplicativo del convegno.