Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 18:19 - Lettori online 949
VITTORIA - 03/02/2012
Attualità - Gli sviluppi dell’operazione compiuta dalla Guardia di finanza

Mercato «pulito», 2 bandi per le concessioni libere

Il sindaco Giuseppe Nicosia e l’assessore Piero Gurrieri illustrano le nuove modalità per dare le concessioni dei box a Fanello: «Due bandi, uno per verificare i requisiti e rinnovare le concessioni legali, un altro di evidenza pubblica esteso a tutti» Foto Corrierediragusa.it

Quali sono gli effetti psicologici dopo l’operazione «mercato pulito»? Ci vorrà un po’ di tempo per comprenderlo bene. Dalle macerie provocate dalle indagini della Guardia di finanza al mercato ortofrutticolo di Vittoria, alla speranza di rinascita sotto nuova luce: nella legalità, nella trasparenza e nella lealtà. E’ quello che gli operatori onesti si auspicano, l’indomani dell’onda d’urto che ha investito contrada Fanello. «Se avessimo completato prima i nuovi bandi per l’assegnazione dei box- afferma il sindaco Giuseppe Nicosia- adesso saremmo in condizioni di non perdere altro tempo dopo la brillante conclusione delle indagini della Finanza». Il sindaco annuncia che vuole proseguire il nuovo percorso nell’area mercatale, dove almeno un quarto dei 74 box deve passare la mano ad altri gestori che avranno dimostrato di possedere i requisiti giusti. «La svolta- aveva detto il colonnello Francesco Fallica- sì è avuta anche grazie all’impulso dato negli ultimi tempi dall’amministrazione comunale e dal comandante dei Vigili urbani Cosimo Costa».

Una svolta che Giuseppe Nicosia intende continuare. Come? «Con un regolamento che preveda due bandi- precisa il sindaco- Il primo dedicato a coloro che dovranno (e sono tanti, per fortuna) dimostrare con una verifica dei requisiti soggettivi di meritare il rinnovo della licenza del box che hanno giù gestito nella trasparenza. Sarebbe stato ingiusto penalizzare anche chi si è tenuto lontano da certe operazioni che oggi la finanza ha denunciato alla Procura della Repubblica, come le volture dei box di proprietà da una mano all’altra con una semplice carta privata; il secondo bando sarà di evidenza pubblica ed è destinato a tutti coloro che non hanno più i requisiti e che potranno concorrere per la nuova assegnazione».

Quanto successo mercoledì primo febbraio sarà un giorno difficile da dimenticare per Vittoria. La città vorrebbe sapere chi sono gli 8 funzionari che hanno retto le sorti del mercato negli ultimi tempi, due dei quali sono stati rimossi dall’amministrazione dopo qualche anno. Chi sono i due notai (uno forse di Ragusa) che avrebbero redatto con eccessiva disinvoltura il rogito notarile del trasferimento dei box da un commissionario a un altro? Sarà il procuratore capo Carmelo Petralia, a cui sono state consegnate le circa 220 pagine del dossier redatto dalla Guardia di finanza, a stabilirlo attraverso le indagini che svolgerà la Procura. E quanti sono i box che saranno ammesse al bando di evidenza pubblica?

Il sindaco Nicosia non conosce i nomi né il numero dei denunciati, ma ipotizza una quindicina di box su un totale di 74. Uno era già libero per fallimento e altri 5-6 erano senza voltura, pronte per un nuovo passaggio. Gli altri box da mettere a «concorso», ovvero a bando di evidenza pubblica, verranno fuori dalle indagini. «Sia io che l’assessore Gurrieri- conclude il sindaco- riteniamo che si tratti di un importante momento di verifica e di trasparenza. Si discuterà dell’argomento nel corso della seduta di insediamento della nuova Commissione comunale Mercato», avvenuta, guarda la coincidenza, proprio nel giorno in cui la Finanza ha rivelato i dettagli di quanto accaduto a Fanello.

Nella foto da sx l´assessore Rosario Lo Monaco, l´assessore Piero Gurrieri, il sindaco Giuseppe Nicosia, l´addetto stampa Giannella Iucolano e il comandante Cosimo Costa