Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:15 - Lettori online 1080
VITTORIA - 25/12/2011
Attualità - I Crucifissari accolgono due giovani del Bangladesh, Nasgrù e Ruben

Natale d’accoglienza per Congregazione Ss Crocifisso

Il presidente Vittorio Campo: «Speriamo che da questo incontro possa scaturire un maggiore coinvolgimento verso il Centro d’accoglienza di don Beniamino Sacco»
Foto CorrierediRagusa.it

Cena di Natale con le famiglie e all’insegna dell’accoglienza per i confratelli delle Congregazione del S.S. Crocifisso di Vittoria L’iniziativa ha coinvolto due giovani del Bangladesh Nasgrù e Ruben, attualmente ospiti del Centro di Accoglienza di padre Beniamino Sacco, ricevuti anche durante l’agape natalizia dei Crucifissari. I due giovani testimoniato con la loro presenza lo spirito più vivo del cristianesimo: fede e fratellanza universale.

IL neo presidente Vittorio Campo (nella foto con i due giovani del Bangladesh), dopo i saluti di rito, ha auspicato che «da questo incontro possa scaturire un’ulteriore opportunità di crescita per la Confraternita sia per gli ospiti presenti che degli stessi confrati, con l’auspicio di un sempre più vicino coinvolgimento degli stessi nell’attività di servizio presso il Centro di padre Sacco».

E’ intervenuto anche il Presidente Diocesano delle Confraternite Giuseppe Vona, il quale ha sottolineato la necessità per ogni cristiano di rivolgere grande attenzione verso i deboli manifestando amore e carità cristiana.

Ha concluso don Vittorio Pirillo, arciprete parroco della chiesa di S. Giovanni Battista e assistente spirituale della Congregazione il quale ha precisato che l’amore verso il prossimo si traduce in sacrificio verso coloro che soffrono e soprattutto verso ogni forma di diversità che oggi caratterizza il nostro mondo universale. Solo così interpretando un Natale che non consiste sempre e solo nell’esteriorità e in tutto ciò che è fuori da noi stessi, è possibile capire il vero significato di Esso. Natale dentro di noi per gli altri e non fuori di noi per noi stessi.