Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:44 - Lettori online 1320
VITTORIA - 05/11/2011
Attualità - La 45ma edizione della campionaria novembrina

La 45ma Emaia a Vittoria: stand del Corriere di Ragusa .it

Visitateci al padiglione G, stand numero 18 dal parcheggio C. La cronaca dell’inaugurazione e gli interventi delle autorità
Foto CorrierediRagusa.it

Inaugurata la 45ma edizione della campionaria Emaia d´autunno. Quest´anno anche il nostro sito è presente alla fiera con uno stand dedicato (foto). Visitateci al padiglione G, stand numero 18 dal parcheggio C. Sarà l´occasione per un contatto diretto tra noi e le migliaia di lettori che ci seguono ogni giorno.

Lo stand Emaia del Corriere di Ragusa .it propone un monitor led dal quale è possibile navigare sul nostro sito, materiale informativo e depliant. Saranno presenti i giornalisti, i collaboratori e lo staff tecnico, nonchè le hostess della campionaria per accogliere e dialogare con i visitatori.

La cronaca dell´inaugurazione
E’ stato il presidente della Camera di Commercio, Sandro Gambuzza assieme al sindaco di Vittoria, Giuseppe Nicosia, a tagliare il nastro della 45 edizione della Campionaria nazionale di Novembre in atto alla Cittadella della Fiera Emaia di Vittoria. Presenti anche il viceprefetto, Concetta Caruso, il presidente della Provincia regionale di Ragusa, Franco Antoci, il vicesindaco di Niscemi, Nunzio Pardo, il presidente del consiglio comunale di Vittoria, Salvatore Di Falco, i deputati regionali on. Roberto Ammatuna e Orazio Ragusa, il sindaco di Acate, Giovanni Caruso, il presidente della Soaco, Rosario Dibennardo oltre ai rappresentanti delle associazioni di categoria legate al commercio, all’agricoltura, ed al consumo.

Gli interventi integrali delle autorità

L’introduzione del direttore di Fiera Emaia, Giuseppe Sulsenti
«Abbiamo tagliato il nastro alla Campionaria nazionale che è tra gli eventi fieristici più importanti da Roma in giù, punto di riferimento stabile per la Sicilia per il nostro territorio. E’una Campionaria che si rinnova e che è in continua evoluzione. Aumentano gli spazi espositivi. Definirei questa 45ma edizione come Fiera dell’esperienza e della maturità. Abbiamo fornito servizi e prodotti e la validità di quanto messo in campo è stata confermata dal gradimento delle imprese e già da oggi, dall’affluenza dei visitatori. Rinnovamento che significa anche sicurezza e decoro: la Fiera Emaia si rilancia e continua a crescere grazie soprattutto alle gestioni che si sono susseguite».

Sulsenti ringrazia la passata dirigenza, con il consiglio di amministrazione guidato allora dall’attuale presidente del consiglio comunale, Salvatore Di Falco, e la direzione aziendale «che ha contribuito fortemente al rilancio di questa fiera». Il direttore di Fiera Emaia ha poi ricordato la stipula del protocollo di intesa di qualche settimana fa, siglato con i Comuni di Gela e Niscemi: «Un bacino di utenza di 100.000 abitanti per un accordo che prevede di agevolare le imprese di quei territori certificando la volontà dei sindaci di considerare, questa fiera, il loro polo fieristico di riferimento. Abbiamo lavorato in grande collaborazione con le associazioni di categoria, Ascom, Confesercenti, Cna, con le quali abbiamo progettato OLTRE FIERA, iniziative che in concomitanza con la fiera collegano il quartiere fieristico al centro storico di Vittoria. Abbiamo reso la Fiera, un contenitore di iniziative di formazione e cultura. E poi l’Associazione siciliana consumo consapevole, con cui abbiamo sviluppato interventi di educazione al consumo diretti ai bambini, l’Agenzia delle Entrate per discutere di federalismo municipale senza dimenticare l’Università di Catania, con i professori Schillaci e Balloni con i quali si approfondirà il tema della disinfezione dei terreni, di contraffazione agroalimentare si parlerà in un convegno promosso dall’assessorato comunale allo Sviluppo economico e la chicca della presentazione del libro di Lauria e del Mercato, giornalisti de La Repubblica, sui costi della politica. Ringrazio l’amministrazione comunale per la possibilità che ci ha dato nel gestire questa fiera in questi mesi: un compito esaltante che ci ha arricchito e che abbiamo svolto cercando di confermare l´indirizzo dell´Amministrazione spendendo la nostra professionalità».

L’intervento del vicesindaco di Niscemi, Nunzio Pardo
«Porto il saluto della Città di Niscemi e del sindaco Dimartino, bloccato da impegni istituzionali. La nostra città è a pochi chilometri da Vittoria territorio al quale ci lega un rapporto economico. Abbiamo sottoscritto protocollo di intesa che permetterà alle nostre imprese di potere partecipare a questa importante manifestazione diventata una vetrina nazionale ed internazionale. In un periodo di profonda crisi che è messa in evidenza anche dagli ultimi dati sulla contrazione della spesa al consumo, le imprese stentano a lavorare ed a produrre un economia di sostanza. Guardiamo quindi con vivo interesse a questo protocollo e speriamo possa arricchire la nostra economia. E´ tutto il territorio che si mette in moto».

Franco Antoci, presidente della Provincia Regionale di Ragusa
«Ringrazio per l’invito a questa cerimonia di inaugurazione; porto il saluto dell’amministrazione che mi onoro di rappresentare e Complimenti per questa magnifica 45ma edizione. Il gran pienone è visibile, ed in questo momento di crisi diventa un segno di speranza, un segno che attraverso al buona volontà di tutti la crisi si può superare. Un grazie quindi agli imprenditori che si impegnano a sviluppare questa comunità in questo territorio. Ritengo che questa manifestazione debba essere guardata con attenzione: costituisce non solo motivo di speranza ma di impegno ulteriore per tutti, ed occasione per approfondire e offrire il meglio della nostra produzione alla comunità regionale e nazionale».

Sandro Gambuzza, presidente della Camera di Commercio di Ragusa
«Un dovere essere presenti: porto il saluto del consiglio della Camera di Commercio di Ragusa, della giunta camerale, dei funzionari. Volevo sottolineare tre aspetti: rappresenta una vetrina intesa come occasione per le imprese di esporre e mettere in luce le novità, le nuove tecnologie ma anche forte fatto economico se è vero che quasi 300 imprenditori l´hanno scelta per fare affari e per promuoversi. Utile al territorio anche per comprendere la cifra economica che produce questa fiera. Il terzo aspetto riguarda il fatto che la fiera è luogo di incontro, confronto e le imprese, il nostro sistema, hanno un gran bisogno di dialogare di parlarsi di strutturarsi in rete di impresa e di programmare insieme un modello Ragusa che è da rivedere ed implementare. Mi sento anche di annunciare a breve un incontro con il sindaco di Vittoria, Nicosia, per riempire contenuti il protocollo triennale con la Fiera che è alla sua scadenza naturale a dicembre e che và rinnovato . Non possono non partire ds Vittoria, gli stati generali dell´agricoltura che devono abbracciare tutti gli attori della filiera agricola, dai produttori alle associazioni, con distributori e commercianti, mezzi tecnici e consumatori».

Adele di Rosa, commissario straordinario Fiera Emaia Una superficie espositiva di 40.000 metri quadri interamente impegnata è segno che le imprese credono in questa fiera, gli operatori sono presenti e continuano a,ritenerla sede naturale di promozione e valorizzazione dei prodotti oltre che punto importante di business. Negli ultimi giorni, ho riflettuto anche sulla congiuntura economica sfavorevole. Alla Novembrina abbiamo numeri importanti, ed una partecipazione così massiccia mi auguro possa essere un piccolo segnale della ripresa. Da qui può partire la crescita e lo sviluppo economico. Approfondirò questo tema con le associazioni di categoria nella duplice veste di commissario Emaia, e dirigente del settore Sviluppo economico del Comune di Vittoria. Qualità e contenuti, quindi con una convegnistica che si snoda su temi di stretta attualità e pregnanti per le forze produttive del territorio». Anche la Di Rosa ha voluto sottolineare l’iniziativa OLTRE FIERA: «Nel momento in cui l’attenzione scema nel centro storico di Vittoria, ecco che Amministrazione comunale ritiene di potenziare e vivacizzare proprio il centro storico coinvolgendo tutto il territorio. La fiera si rinnova con il territorio e per il territorio e l’Emaia, resta l´unico polo fieristico regionale»

Salvatore Di Falco, presidente del Consiglio comunale di Vittoria
«Porto il saluto del consiglio comunale sempre vicino al direttore dell’Emaia, al commissario ed all’azienda. Colgo occasione per complimentarmi per l’ottimo lavoro. La parte espositiva è di gran lunga migliorata. Anche a parte meno strutturata ha un taglio espositivo migliore e più accattivante. Tolta la premessa di natura tecnica, non ci sono dubbi sulla competenza. La prima impressione è quella che non si percepiscono i venti di crisi. La crisi c´è, ma per questo motivo e per la fiera qualitativamente piena, ritengo che debba essere registrato un segnale importante, non visto dalla politica ma dagli operatori ovvero che con queste iniziativi la crisi insieme si può affrontare. E ´la magia della Novembrina, la politica deve fare una grande riflessione su questo, con gli operatori commerciali. Riflettiamo con forza su questo ente che non è una fiera ma che le organizza: rappresenta virtuosismo economico, organizzativo ed aziendale. Ce ne sono pochi. Ed i protocolli di intesa con Gela e Niscemi possono rappresentare l’avvio non lontano, di una operazione che possa coinvolgere tutto il sud-est della Sicilia, dal punto di vista commerciale, con consorzio per mettere a sistema le forze imprenditoriali. Devo però registrare che la Regione continua ad essere silente. Auguri a tutti gi operatori commerciali».

Le conclusioni sono affidate al sindaco di Vittoria, Giuseppe Nicosia
«E’d’obbligo ringraziare tutti gli intervenuti. Da tempo la fiera si alimenta di momenti espositivi e convegnistici ma anche di un incontro inaugurale che è utile per scambiarci alcune riflessioni. Grazie alle autorità che sostengono e presenziano: ringrazio le Autorità civili e minitari, le Forze dell’Ordine la prefettura la Provincia con il presidente, due assessori e diversi consiglieri. E’importante la presenza anche di altri comuni Niscemi e Gela, nel solco di un percorso già tracciato ma anche gli altri Comuni e per questo ringrazio anche il sindaco di Acate. Poi il presidente della Camera di Commercio, Gambuzza, a cui abbiamo voluto fare tagliare il nastro. Nostro fermo e vivace ospite negli appuntamenti fieristici che hanno riguardato l’Agricoltura nella sua veste di presidente di Confagricoltura provinciale, ora avviamo con lui un rapporto proficuo con l’ente camerale che deve crescere. La Camera di Commercio è l’ente che ha creduto, assieme al Comune di Vittoria, nella Fiera Emaia. Auguro al presidente Gambuzza buon lavoro e siamo pronti a collaborare nelle iniziative che riguardano non solo l’agricoltura ma le politiche economiche della città per le quali contiamo sul suo sostegno. Superficiale il modo con cui si affronta la crisi economica; il governo nazionale non riesce ancora ad affrontare i temi della crescita, dello sviluppo, della difesa dell’economia. Ed i piccoli tentativi di riscossa vengono da realtà come la nostra, virtuosa, che può fare la differenza rispetto alla superficialità, alla deficienza ed anche al discredito internazionale. Tutti gli enti devono alimentare queste iniziative di virtuosismo. Noi continuiamo ad aprire i cancelli con le nostre forze quando, altre realtà sono foraggiate dalla Regione in maniera vergognosa con ripianamenti di decine di milioni di euro per poi chiudere miseramente. Apriamo i battenti con 300 espositori, in una realtà economica vivace. Complimenti a chi, per 45 edizioni ha tenuto in vita questa fiera, con una storia solida di tradizione. Ottimo lavoro degli ex amministratori, del commissario e del direttore nominati per una questione etica e che, di fatto, da opzione etica si è tramutata in opzione manageriale ottima anche per la programmazione delle altre fiere. Nonostante mi sia insediato da qualche mese, non abbiamo nominato il nuovo Cda. Non ne abbiamo visto l´urgenza. La fiera si presenta bene e bella. Stiamo recuperando i capannoni per continuare a migliorare l’aspetto, accoglienza, per attrezzarci e stare al passo con la responsabilità di essere l´unico punto di riferimento fieristico. Stiamo lavorando, programmando: ho aperto i lavori di rifacimento di via Cavour ma anche elisuperficie, che rappresentano ulteriori servizi. Rassegno all´Emaia l’opzione di pensare con forza alla ristrutturazione commerciale della fiera con l’apertura
verso le altre realtà economiche, e ad una apertura gestionale che ponga fine all’azienda speciale, con una forma nuova societaria che interpreti i nuovi dettami normativi e l’evoluzione economica. Pensiamo allo sviluppo di infrastrutture che i nostri espositori attendono». Nicosia in conclusione ha salutato il presidente della Soaco, Rosario Dibennardo augurandosi che la querelle sull’apertura dell’aeroporto di Comiso possa concludersi a breve. «Sbrighiamoci, serve anche alla nostra economia»

La massiccia presenza della meccanizzazione agricola è stata sottolineata dal saluto del presidente dell’Unacoma, Unione nazionale costruttori macchine agricole, Massimo Goldoni, vicepresidente del Cema, organismo che rappresenta le industrie della macchine agricole a livello europeo. Assente per impegni istituzionali, il presidente ha inviato un messaggio:

«La prego di portare il mio saluto ufficiale alla prestigiosa platea della Campionaria Nazionale 2011 e di partecipare il mio vivo interesse a trovare prossime occasioni di incontro con la Fiera EMAIA Polo Fieristico del Mediterraneo per creare le necessarie sinergie a beneficio del comparto della meccanizzazione agricola».

CLICCA SULLE FOTO SOTTO PER INGRANDIRE