Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 784
VITTORIA - 30/10/2011
Attualità - Le buone idee per risolvere l’annoso problema dell’ingorgo ai passaggi a livello

Una bretella per bypassare le sbarre ferroviarie: è la proposta della Cna

Pippo Santocono e Giorgio Stracquadanio hanno consegnato all’amministrazione un progetto da realizzare con fondi Fesr 2007/2013
Foto CorrierediRagusa.it

Ascoltare le idee della Cna di Vittoria. Si possono condividere o meno, ma sono genuine e senza interesse. Non solo fa proteste, sacrosante quando ci vogliono, ma avanza anche proposte concrete. A costo zero, a titolo di beneficenza, perché certi elaborati se affidati a consulenti esterni ti costano parecchie migliaia di euro.

Punta dalla risposta piccata del sindaco Giuseppe Nicosia, in merito alla "medievale" situazione del passaggio a livello che paralizza Vittoria nei tre ingressi principali venendo da nord (Fontana della pace-Comiso, Pedalino, Acate), Giuseppe Santocono e Giorgio Stracquadanio, s´improvvisano tecnici progettisti e tirano fuori un elaborato mappale che mostra l´ingresso della città com´è oggi e come potrebbe essere domani con l´eliminazione del passaggio a livello principale, quello sulla strada per l´ospedale.

Sulla questione passaggi a livello, la Cna di Vittoria, dopo aver incontrato la Provincia (nel febbraio scorso l´assessore alla Viabilità Salvatore Minardi, che da buon vittoriese è rimasto più volte intrappolato nell´ingorgo per entrare e uscire dalla città, mostrando sensibilità e interessamento rispetto alla tormentata vicenda); dopo aver sensibilizzato positivamente l´amministrazione comunale; dopo aver più volte richiamato l´attenzione del gruppo Ferrovie dello Stato, «avanziamo una proposta – dicono Santocono e Stracquadanio – che potrebbe sembrare minimale, ma che può comunque venire incontro ad alcune esigenze dell´intera città.

«Nella parte alta di via Marangio (nei pressi dell´ospedale), c´è un piccolo ponte che permette di superare la linea ferrata. A quest´ultimo segue una trazzera che si collega direttamente alla strada statale 115. Con una spesa non eccessiva si potrebbe riqualificare la zona, creando una rotonda nella statale 115 e una piccola "bretella" che si collega con via Rosario Giurato. Il tutto potrebbe realizzarsi con fondi Fesr 2007/2013 con riferimento all´asse VI sviluppo urbano sostenibile. Riteniamo, dunque, che questa proposta possa essere portata al vaglio degli enti competenti. La nostra associazione di categoria non solleva solo i problemi. Ma si sforza, per quanto possibile, di proporre anche le soluzioni».

Adesso si attendono le risposte, positive o negative, ma non si dica che la Cna "rompa" con queste giaculatorie periodiche portando alla ribalta il solito problema del passaggio a livello. Che rimane sempre una condizione da "terzo mondo".

Ogni volta che la littorina attraversa la città con il solo macchinista e qualche pendolare a bordo, centinaia di macchine fermano il loro tempo in una fila di qualche chilometro. E c´è da augurarsi sempre che negli ingorghi non finisca un´ambulanza con un malato o un incidentato dentro in fin di vita, che potrebbe salvarsi in una frazione di secondi.

Nella foto in alto, il progetto del passaggio a livello


01/11/2011 | 18.38.46
G70

Quello di Santocono e Stracquadaino è un buon progetto, come tanti altri andrebbero fatti a Vittoria.
Non bisogna solo evidenziare i problemi, cosa già utile, ma anche presentare soluzioni come in questo caso.
Aggiungo che la viabilità in città è veramente allo stato medievale, ma fin quando non ci saranno le menti per concepire una Vittoria da vivere, non solo da sfruttare, il salto è difficile da compiersi.
Un normale cittadino.