Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:53 - Lettori online 1201
VITTORIA - 19/10/2011
Attualità - Partono nuovi corsi di formazione A.n.ge.c.

Mediatore professionista, opportunità di lavoro

Il responsabile della sede di Vittoria Toti Miccoli: «E’ un’occasione di lavoro per laureati e no»
Foto CorrierediRagusa.it

Al via il terzo corso di mediatore professionista avviato dall’A.n.ge.c. ragusana. A dare la notizia è il responsabile della sede operativa vittoriese Toti Miccoli (foto). Quest’anno partirà anche un corso a Catania, il quale inizierà alla fine di ottobre e segnerà un traguardo importante per l’associazione nata di recente ma già alle prese con le prime conciliazioni.

Frutto, quest’ultime, della recente riforma della giustizia che ha introdotto con il d.lgs 28/10 e poi 180/10 l’istituto della mediazione intesa come fase extragiudiziale e deflattiva dei procedimenti giudiziari. Un istituto che ha suscitato tante polemiche e sviluppato pareri positivi e negativi tra avvocati favorevoli e non.

L’A.n.ge.c., ovvero Associazione Nazionale Gestione Conflitti, è fra i primi organismi di natura privata ad esser nato nel sud Italia con la specifica finalità di formare i conciliatori e di operare nell’ambito della mediazione professionale. Le lezioni saranno tenute da avvocati, ricercatori e docenti dell’Università di Messina e Catania. Tutti docenti già abilitati all’esercizio della mediazione professionale.

«E’ un’ottima opportunità di lavoro per i laureati e no- dice Toti Miccoli, responsabile della sede vittoriese già mediatore - i quali possono, in tal modo, partecipare concretamente al tanto agognato snellimento del sistema giustizia. Ma il successo di tale istituto dipenderà principalmente dall’approccio dei legali». Dopo aver superato la prova finale i nuovi conciliatori potranno iscriversi non solo all’A.n.ge.c, ma anche agli altri organismi di conciliazione, per un totale massimo di cinque, a patto che siano accreditati presso il Ministero della Giustizia.