Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:31 - Lettori online 1435
VITTORIA - 30/01/2008
Attualità - Vittoria - Interrogazione al sindaco del consigliere azzurro Comisi

L´uso del casco a Vittoria
è un optional per i centauri

Le forze dell’ordine farebbero finta di non vedere Foto Corrierediragusa.it

A Vittoira indossare il casco non è obbligatorio. Ogni tanto qualcuno ci pensa e tira fuori il problema. Scatta una settimana di repressione, quindi il silenzio per diversi mesi. Fabrizio Comisi (nella foto), consigliere di Forza Italia ha rivolto un’interrogazione al sindaco Nicosia per denunciare il fenomeno.

"Accade quotidianamente- scrive Comisi- di incontrare giovani e meno giovani che transitano serenamente per le vie cittadine a bordo di motocicli privi del casco regolamentare". E fin qui nulla di scandaloso, perché le leggi in Italia, lo sanno tutti, sono optional: si possono rispettare o no, a seconda come gira.

"Accade anche- continua Comisi- di osservare come in molte occasioni questi transitino davanti alle forze dell’ordine o alla polizia municipale senza evocare alcuna reazione correttiva".

Quello che dice Comisi, purtroppo, è una piaga che non risparmia alcune città del Sud. C’è più rispetto della legge sul casco in metropoli come Palermo e Catania che a Vittoria. "Si ritiene tale spettacolo indecoroso per la nostra Città in quanto evidenzia la scarsa attitudine ad educare le nuove generazioni anche quando sia in gioco la sicurezza personale, ed evoca la sensazione che la legalità sia considerata un concetto astratto da riesumare in occasione di eclatanti eventi, salvo poi diseducare la cittadinanza mediante questi esempi deleteri".

L’interrogazione di Comisi è rivolta al sindaco Nicosia, che a sua volta dovrà girarla al Comando dei vigili e alle forze dell’ordine interessate.