Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:51 - Lettori online 642
VITTORIA - 17/09/2011
Attualità - S’avvera il sogno della presidente di "Italia Nostra" Laura Cannizzaro

Miracolo: 55mila euro per salvare portale S. Antonio

Il progetto promosso dal deputato Pippo Digiacomo va avanti. Consegnati i lavori di somma urgenza
Foto CorrierediRagusa.it

Tra le prime a gioire, sicuramente la presidente di "Italia Nostra" Laura Cannizzaro Giudice, da tempo alla ricerca di fondi e di aiuti morali ed economici per non fare morire quel poco che resta del portale della chiesa di Sant’Antonio Abate a Vittoria. Il portale resterà in vita e sarà riportato a nuovo splendore.

Perché sono stati consegnati i lavori di somma urgenza per il recupero del portale della chiesa, prezioso rudere che ingentilisce e nobilita ancora di più il centro storico della città. Alla consegna erano presenti il soprintendente Alessandro Ferrara, responsabile del procedimento; il direttore dei lavori architetto Domenico Buzzone, i rappresentati dell´impresa, Giuseppe Massari (presidente della Cna provinciale) e l’ingegnere Andrea Carfì, padre Vittorio Pirillo, parroco della chiesa di San Giovanni e arciprete di Vittoria ed Angelo Tomasi (foto)in rappresentanza della comunità parrocchiale. L´importo dei lavori è complessivamente di circa 55.000 euro finanziati dall´assessorato regionale ai Beni Culturali e dell´identità Siciliana.

Tra i promotori del progetto, il deputato regionale Pippo Digiacomo, rammaricato per non essere stato presente alla consegna dei lavori, che ha seguito l’intero iter parlamentare. «Ringrazio il soprintendente Ferrara e tutte le altre parti coinvolte per la collaborazione e la disponibilità dimostrata per il veloce raggiungimento dell´obiettivo» – ha dichiarato il parlamentare Digiacomo.