Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:08 - Lettori online 1075
VITTORIA - 22/01/2008
Attualità - Comiso - Emergenza rifiuti in città

Sospeso lo sciopero bianco
nelle discariche

I cumuli d’immondizia tardano però ad essere rimossi Foto Corrierediragusa.it

E’ di ieri la nota di Forza Italia nella quale si denuncia lo stato in cui versa la raccolta dei rifiuti solidi urbani. La discarica vittoriese di Pozzo Bollente, infatti, non accoglie più i rifiuti a causa dei mancati pagamenti. L’assessore Gigi Bellassai,ha fatto sapere che la protesta è rientrata e che già da ieri notte, si sarebbe proceduto alla raccolta, ma Forza Italia ha dichiarato che la discarica riapre i cancelli solo per lo smaltimento dei rifiuti degli ospedali e degli enti pubblici.

Ad oggi infatti, i cassonetti dell’immondizia a Comiso, sono ancora stracarichi e maleodoranti.

Nelle discariche di San Biagio a Scicli e di Pozzo Bollente a Vittoria tutto è intanto tornato alla normalità. I dipendenti della ditta meneghina, che ha affidato il servizio di coltivazione delle due discariche comprensoriali, hanno sospeso lo sciopero a singhiozzo, attuato da alcuni giorni, per reclamare il regolare pagamento delle loro mensilità.

Per le unità in servizio nei due siti, che con la loro protesta avevano impedito ai compattatori di scaricare determinando il deposito dei rifiuti nei cassonetti, sono arrivate assicurazioni sullo stato dei pagamenti. La situazione più passavano i giorni e più diventava difficile. La spazzatura aumentava restando in molti casi sui camion. L’operazione di abbancamento era consentita, infatti solo ogni trenta minuti.